Come collegare la tua pratica e la tua vita con Walking

How to Connect your Practice and your Life--with Walking


Come collegare la tua pratica e la tua vita - con Walking

Camminare è un tema fondamentale nella mia vita. Ogni passo batte come un metronomo, sia per impostare il mio ritmo e rispondere al ritmo della mia vita.

Passo. Passo.

Respiro. Respiro.

Il mio amore per le passeggiate è iniziato quando avevo 22 anni. Ho viaggiato in Nepal e ho camminato sul circuito di Annipurna, un viaggio che durò circa 3 settimane. Questa passeggiata di oltre 125 miglia attraversava campi di riso terrazzati, attraversava fiumi di montagna su passerelle di bambù, serpeggiava attraverso la foresta pluviale e infine attraversava il passo coperto di neve di Thorong La a 17.769 piedi.

Dopo questo, sono stato agganciato. Camminare è diventato il mio mezzo di trasporto preferito.

Ho camminato per migliaia di chilometri, in città e nei parchi, al freddo e al caldo, in pianura e in montagna. Qualsiasi camminata è buona camminata.

Ci sono molte cose che amo del camminare. Adoro il ritmo non moderno, abbastanza lento da sperimentare il mondo mentre lo percorro. Adoro l'esperienza completa del corpo. Gli odori. Suoni. Sentendo il vento sulla mia pelle e la terra sotto i miei piedi.

E amo il tempo di essere entrambi parte del mondo e di separarmi da esso. Cammino attraverso le vite delle persone e le guardo mentre parlano della loro giornata. Potremmo interagire o no, ma continuo.

La maggior parte del mio camminare è una contemplazione libera, un posto nebuloso tra il sogno ad occhi aperti e l'apertura silenziosa. A volte avrò un argomento o una preoccupazione specifica. Mentre posso o non posso avere un'idea, ma tornerò spesso con un senso più profondo di calma e radicamento.

Ma camminare può anche essere una pratica di meditazione formale. E per molti, questo può essere un'aggiunta ricca al loro kit di strumenti di meditazione.

Cos'è la meditazione a piedi?

La meditazione ambulante porta consapevolezza e consapevolezza al camminare. Invece di sederti su un cuscino o una sedia, cammini.

Ci sono un paio di modi in cui puoi avvicinarti alla meditazione camminata.

Puoi portare consapevolezza al tuo cammino. Con questo approccio, sei consapevole delle sensazioni del camminare – la pressione sui tuoi piedi mentre il tuo peso si sposta, la sensazione dell'aria mentre si muove oltre la tua pelle. Metti a fuoco la tua consapevolezza sul camminare.

L'altro approccio è portare a camminare nella tua meditazione. Qui, camminare è solo un'altra posizione da usare per la meditazione. Usi le stesse tecniche di meditazione che faresti quando sei seduto – puoi concentrarti su suoni, pensieri, emozioni, o anche semplicemente muoverti con consapevolezza aperta. Stai solo camminando mentre lo fai.

In entrambi i casi, camminare e meditare sono combinati.

Perché usare la meditazione a piedi?

La meditazione ambulante è un ottimo modo per intrecciare la pratica della meditazione nella vita di tutti i giorni.

A volte, la tua pratica rimane bloccata, a memoria. Hai la tua pratica e hai la tua vita, e non importa quello che fai, il divario tra i due può sembrare abbastanza vasto. Non appena esci dal cuscino e dai colpi di vita, ti muovi direttamente dalla mindfulness e dai tuoi schemi di pensiero abituali.

La meditazione camminata costituisce un ponte tra i due. Pratichi a muovere il tuo corpo come la tua vita quotidiana mentre noti la tua mente come la tua pratica meditativa.

La tua pratica e la tua vita si fondono in una sola. Camminare ti aiuta a sperimentare questo.

Come si fa la meditazione a piedi?

La meditazione camminata può essere fatta in un paio di modi diversi.

A volte rallenta la discesa. Sperimenta ogni cambiamento, ogni passo, ogni cambiamento nel tuo corpo deliberatamente e con consapevolezza.

In altre tradizioni, cammini ad un ritmo normale, esattamente come normalmente cammini. Se qualcuno ti osservasse, non saprebbero che stai meditando.

In entrambi i casi, non si spazia. La tua mente è presente. Non sei perso

Cammini con consapevolezza.

Prova a camminare la prossima volta che vuoi rinfrescare la tua pratica meditativa. Indossate le scarpe e uscite. Pioggia o sole, città o campagna, da soli o in mezzo alla folla, porta il tuo allenamento con te. Guarda la tua mente mentre ti muovi. Esperienza incarnazione in un modo nuovo. E nota come la tua pratica cambia mentre la togli dal cuscino.

Condividi !
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Proudly powered by WordPress