Come scoprire la profonda fiducia nella meditazione

Come scoprire la profonda fiducia nella meditazione


ancora riflesso del lago di alberi

Molti dei miei più profondi risvegli spirituali mi sono giunti attraverso la pratica della . Lo vedo come una disciplina spirituale che è fondamentale per la filosofia in quanto al suo centro la pratica della implica il contatto diretto con la realtà.

La meditazione è una disciplina spirituale consacrata da tempo praticata sia nelle tradizioni giudaico-cristiane dell'Occidente che nelle tradizioni buddhiste e indù dell'est.

Come ho imparato, lo scopo ultimo della pratica è quello di stabilire un contatto diretto con la realtà così com'è. Il premio finale da vincere è una esperienza disadorna del reale. Un incontro diretto con la realtà in questo modo è scioccante e inconfondibile.

Che filosofi e mistici hanno in comune

Una delle cose che filosofi e mistici hanno generalmente accettato è che gli esseri umani generalmente non sperimentano la realtà direttamente così com'è. Platone nella sua famosa allegoria della grotta descriveva la nostra normale percezione della realtà in termini di ombre su una parete della caverna.

Raramente, se mai qualcuno di noi si allontana dal gioco delle ombre sulla parete della caverna per affrontare le figure che stanno effettivamente proiettando le ombre, ed è ancora più raro per noi guardare oltre le figure direttamente nella fonte di luce dietro di esse.

Più recentemente Immanuel Kant ha descritto come mai sperimentiamo la realtà così com'è. Piuttosto, sperimentiamo fenomeni creati dall'incontro dei meccanismi percettivi della nostra mente e realtà.

Sperimentiamo questa combinazione e quindi non sperimentiamo mai direttamente la realtà.

La mia personale esperienza di meditazione mi ha mostrato che noi tutti, come esseri umani, preferiamo sperimentare il piacere sul dolore e nei modi grossolani e sottili, consci e inconsci, stiamo costantemente manipolando la nostra esperienza in arrangiamenti più piacevoli.

Lo facciamo indirizzando la nostra attenzione verso pensieri e sentimenti che troviamo piacevoli e lontani da quelli che sono a disagio.

Sperimentare la realtà così com'è

Il modo in cui ho imparato a praticare la meditazione può essere essenzialmente descritto come la pratica di resistere alla tentazione di manipolare la tua esperienza in ogni caso. Semplicemente ti permetti di sperimentare la realtà, ma si presenta senza fare niente.

In questa pratica si scopre rapidamente che ciò che sembra dovrebbe essere semplice è in realtà una sfida suprema. Mentre ti siedi con l'intenzione di non fare nulla e solo di sperimentare la realtà così com'è, puoi rapidamente sperimentare quanto sia forte l'abitudine di manipolare costantemente la tua esperienza.

Nella meditazione ti sforzi di abbandonare il controllo, di arrenderti al modo in cui le cose sono, e ti ritrovi a mantenere disperatamente il controllo – consapevolmente e inconsciamente facendo un flusso senza fine di aggiustamenti alla tua esperienza.

Se inizi a avere successo nella pratica di abbandonare il controllo, inizierai a una verità . Vedrete che apparentemente ogni aspetto della realtà mentre lo sperimentate è una manipolazione fittizia.

Il tuo senso delle cose, il tuo senso di sé, il tuo senso degli altri – è tutto una costruzione piuttosto che un dato.

La rivelazione di tornare a casa

Potresti anche iniziare a sperimentare ciò che William James descrisse come flusso di coscienza. In questo flusso infinito di consapevolezza tutto si manifesta come una successione di esperienze che sfociano ciascuna nella successiva.

In quel flusso non puoi trovare nulla con cui ti puoi identificare, anche se "tu" sembra essere lì.

Mentre continui a lasciar andare la tua mente inizia a rilassarsi in uno stato profondo di non-conoscenza. Ti rendi conto che la tua normale esperienza della realtà non è il modo in cui le cose sono e man mano che diventi sempre meno paura di scoprire la verità sul modo in cui le cose ti rilassano sempre più profondamente nella realtà.

È l'esperienza più profonda di tornare a casa, perché ovviamente è qui che sei sempre stato. È l'esperienza di rivelazione più intensa perché stai vedendo davanti ai tuoi occhi la realtà del modo in cui le cose sono sempre state.

Scopri i meccanismi che hai imparato ad adottare per costruire la realtà e nasconderti dalla verità.

Vivere in una realtà della nostra stessa costruzione è per molti aspetti essenziale e ci permette di andare d'accordo in un mondo imprevedibile. In altri modi, tuttavia, ci tiene bloccati in modi di essere che potrebbero aver sopravvissuto a lungo a qualsiasi valore.

Il più dannoso di questi è un presunto rapporto pauroso con la vita. Dopotutto, se manipoliamo costantemente la nostra esperienza, dobbiamo essere certi che la realtà così com'è non ci si può fidare.

Allontanandoti dall'abitudine alla manipolazione, ti lasci andare contemporaneamente all'abitudine della sfiducia.

Condividi !
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Proudly powered by WordPress