Come usare la meditazione come strumento per la comprensione

Come usare la meditazione come strumento per la comprensione


meditazione-guidata.it/wp-content/uploads/2019/02/Come--la--come-strumento-per-la-.jpeg" alt="foto-1414604582943-2fd913b3cb17 "width =" 1024 "height =" 683 "srcset =" https://www.-guidata.it/wp-content/uploads/2019/02/Come-usare-la--come-strumento-per-la-comprensione.jpeg 1024w, https: //aboutmeditation.com/wp-content/uploads/2016/06/photo-1414604582943-2fd913b3cb17-300x200.jpeg 300w, https://aboutmeditation.com/wp-content/uploads/2016/06/photo-1414604582943-2fd913b3cb17 -504x336.jpeg 504w, https://aboutmeditation.com/wp-content/uploads/2016/06/photo-1414604582943-2fd913b3cb17-200x133.jpeg 200w "sizes =" (larghezza massima: 1024px) 100vw, 1024px "/ >

Cosa significa meditare su qualcosa?

Questa è una frase che la gente gira spesso. Avere un problema? "Vai a meditare su quello."

Colpire un posto di blocco nel decidere quale lavoro svolgere, o dove vivere? "Andrò a meditare su questo."

Ma cosa significa?

Meditare su qualcosa non è semplicemente pensarci. Non è journaling, o dialoging, crea grafici e grafici, né lavora con un terapeuta.

Tutti questi possono essere strumenti eccellenti per la crescita, la comprensione e il supporto, ma non sono meditazione.

I limiti del pensiero

La meditazione consapevole è uno strumento di consapevolezza. Ci incoraggia a fare un passo indietro e testimoniare tutti gli input in modo non giudicante.

In ogni momento, possiamo essere consapevoli di vista, odore, tatto, gusto, suono, ma anche pensiero, emozione e intuizione.

Durante i nostri giorni, i pesi relativi che diamo a ciascuna di queste fonti di input varia.

Quando mangiamo cena riceviamo molto più input dal gusto di noi quando guardiamo la TV o giochiamo a tennis. Quando lavoro su un cruciverba, le mie papille gustative non aggiungeranno nulla per aiutarmi a trovare una risposta di 6 lettere per "lummox".

Il pensiero è uno strumento incredibilmente potente, e non saremmo qui senza di esso. Si può facilmente affermare che la mente umana è il raggiungimento pinnacolo dell'evoluzione biologica.

Senza pensarci, non avremmo tubature interne, non avremmo camminato sulla luna e non avremmo avuto alcuna parvenza di società moderna.

Ma il pensiero ha i suoi limiti. È unidimensionale.

Albert Einstein una volta ha scherzato: "Sarebbe possibile descrivere tutto scientificamente, ma non avrebbe senso; sarebbe privo di significato, come se tu descrivessi una sinfonia di Beethoven come una variazione della pressione delle onde ".

Pensare oltre la mente

Per considerare un tramonto bellissimo, non è necessario pensare alle ragioni della sua bellezza. Semplicemente.

Puoi calcolare l'angolo del sole nel cielo, enumerare i colori specifici nel cielo o descrivere scientificamente la natura dei fotoni che riflettono e rifrangono da particelle di inquinamento atmosferico, ma niente di tutto ciò è necessario per apprezzare la bellezza dell'esperienza.

Invece, la pienezza del tramonto viene vissuta attraverso i sensi.

La meditazione aiuta a ristabilire un equilibrio tra il pensiero e altre fonti di input, consentendoci di vivere la vita al di là della mente analitica monodimensionale e invece da un luogo di consapevolezza.

Usare la meditazione come strumento per ottenere una visione profonda di noi stessi o di una situazione nella vita significa abbracciare tutti i sensi.

Dobbiamo lasciare andare l'idea che la risposta verrà dalla mente e considerare che la risposta diventerà chiara quando includeremo le altre fonti di input a nostra disposizione.

La consapevolezza include molto più della tua mente

"Mi sento stressato, sopraffatto", un cliente condivide con me. "Io ho così tante cose da fare."

Pensare a questo problema potrebbe essere per noi mettere in luce tutto ciò che deve fare, triage ciò che deve essere fatto entro quando, e trovare un piano per cancellare la sua lista.

In alternativa, un terapeuta potrebbe aiutarla a disfare gli strati del trauma infantile e le pressioni familiari, tra pari e culturali che l'hanno portata a questo punto.

Invece, l'ho invitata a portare la sua consapevolezza alla situazione, compresi i sensi oltre ogni immaginazione. Le ho chiesto dove, nel suo corpo, lei sentiva questo travolgere.

Si fermò e chiuse gli occhi, e rispose che il suo petto si sentiva stretto e a disagio. Lasciando che la sensazione parli da sola, perché è sopraffatta? Cosa significherebbe per lei se non avesse ottenuto gli articoli sulla sua lista delle cose da fare?

Subito dopo che le ho posto queste domande, è scoppiata un'esplosione di tristezza e lei ha iniziato a singhiozzare, rispondendo che si sarebbe sentita come un fallimento.

Un esercizio di essere consapevoli

Questa conclusione non è stata raggiunta pensando alla situazione, ma piuttosto, includendo altri elementi della sua consapevolezza. Non era una dissezione analitica della sua vita, ma piuttosto un esercizio per essere consapevole di tutto il contributo che stava ricevendo in quel momento.

Con l'eccezione del pensiero, tutte le fonti di input che informano la nostra consapevolezza provengono dai nostri corpi. Eppure è diventato uno standard nella nostra cultura dare più peso ai nostri pensieri.

La meditazione è un ottimo strumento per risvegliare la nostra connessione con i nostri corpi e tutte le informazioni che ci forniscono. Una volta ristabilita questa connessione, siamo autorizzati a utilizzare tutte queste informazioni per una maggiore comprensione.

Medita su di esso

Se stai lottando con una decisione o sei confuso da una situazione, può essere utile usare la tua mente per aiutare a risolvere le cose. Eppure potrebbe rivelarsi più facile e più efficace meditare sull'ostacolo sul tuo cammino.

Riconnettiti con tutti i tuoi sensi attraverso la meditazione e vedi ciò che il consenso è nella tua consapevolezza. C'è molto da guadagnare dando tempo, spazio ed energia a tutta la saggezza del tuo corpo.

Medita su questo.

Condividi !
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Proudly powered by WordPress