Meditando nel mezzo del caos: abitudini zen


Di Leo Babauta

Il vento e la pioggia turbinavano intorno a me con forza, mentre sedevo nel giardino di fiori tropicali di mia madre a Guam e meditavo.

Una tempesta tropicale stava passando vicino a Guam, dove vivo in questo momento, e ho deciso di uscire nei forti venti e pioggia torrenziale per meditare per almeno alcuni minuti. Non preoccuparti, è stato sicuro.

In realtà stavo in meditazione, perché sedermi in una pozza d'acqua piovana non era così attraente per me. L'acqua mi ha baciato la faccia, il vento ha fatto oscillare il mio corpo in un'oscurità, e mi sono esercitato a essere presente nella tempesta.

Stavo praticando l'immobilità nel mezzo del .

Naturalmente, non abbiamo bisogno di avere una vera tempesta tropicale (che si è trasformata in un superpotile dopo che ci è passata) per esercitarsi con il caos. È tutto intorno a noi, ogni giorno. Il caos è l'incertezza della nostra vita quotidiana, la costante raffica di informazioni e richieste e compiti e messaggi con cui siamo sciamati, l'incertezza della scena globale e della politica nazionale, delle nostre finanze e dell'economia globale, delle comunità in cambiamento e delle nostre vite in costante mutamento .

Il caos è tutto intorno a noi e può stressarci. Provoca ansia, depressione, frustrazione, rabbia, procrastinazione, costante distrazione e ricerca di comfort come social media, cibo, shopping, giochi e altro ancora.

Ma cosa succede se non abbiamo bisogno di correre per confortare o temere il caos?

E se potessimo essere fermi e trovare calma e calma con l'incertezza che ci turbina intorno?

Un membro del mio Fearless Training Program ha detto che gli piacerebbe "ballare con il caos". Penso che sia una bella idea. Abbracciamo l'incertezza. Pratica con esso. Danza con esso e lascia che questa pratica sia gioiosa!

Una pratica gioiosa nel caos

Quindi, come possiamo praticare la consapevolezza nel mezzo del caos? Come possiamo renderlo gioioso?

Per me, sembra qualcosa del genere.

Primo, ti dai spazio per essere presente con il caos. Mi sono trovato in mezzo alla tempesta, perché ero eccitato di vedere com'era. L'ho chiamato intenzionalmente "" perché la mia intenzione era di essere il più presente possibile con qualsiasi cosa fosse accaduta. Nella tua vita quotidiana, potrebbe sembrare che ti fermi nel bel mezzo della tua giornata di lavoro, in qualsiasi momento, e di cadere nel momento presente in modo da poter sentire come si sente il caos.

Secondo, trovi il coraggio di essere completamente presente con la sentita esperienza del caos. Nella tempesta, parte di quella sensazione era il vento e la pioggia sulla mia pelle, notando la luce drammatica che filtrava attraverso le nuvole temporalesche, notando l'incredibile giungla tropicale nella piccola valle sotto di me e il movimento degli alberi e dei fiori che circondavano me. Ma c'era di più: era anche la sensazione di eccitazione nel mio petto, forse un po 'di incertezza sul fatto che qualcosa sarebbe volato e mi avrebbe colpito sulla testa, che si è manifestato come un piccolo angolo di paura che si irradiava nel mio cuore. Era anche la sensazione del mio corpo che ondeggiava, i muscoli delle gambe che si tendevano, il petto che si espandeva mentre respiravo. Tutto questo è l'esperienza sentita del momento. Non solo i miei pensieri a riguardo, ma come ci si sente nel mio corpo. Possiamo praticarlo in qualsiasi momento.

Terzo, ti rilassi nel caos e lo accetti. Notando come si sente il caos, potresti notare la tensione che hai intorno. Per me, nella tempesta, c'era tensione attorno alla mia sicurezza (ancora una volta era abbastanza sicuro), quindi ho notato questa tensione e rilassato quei muscoli. Rilassando il mio corpo, mi sono lasciato arrendere. Abbracciarlo, come se fosse un regalo incredibile. Ancora una volta, possiamo praticarlo in qualsiasi momento. In questo momento, infatti, se ti piacerebbe provarlo.

Quarto, balli con esso, con gioia. Una volta che ci rilassiamo intorno al caos e iniziamo ad abbracciarlo … ci stiamo facendo amicizia. L'incertezza non è più una cosa da cui fuggire, o da resistere, ma è solo una parte dell'esperienza di questo momento. Di ogni momento E così possiamo iniziare a ballare – lasciarsi trasportare attraverso il caos, in un modo amorevole, adorabile, gioioso. Come sarebbe giocare in questo momento, nel mezzo della tua vita incerta? Come sarebbe essere curiosi ed esplorare, come un avventuriero? Come sarebbe essere grati per questo incredibile momento di bellezza caotica? Come sarebbe trovare l'amore, l'apertura, il movimento musicale danzante in mezzo a questa tempesta?

Abbiamo l'opportunità, ogni singolo giorno, anche ogni momento, di essere presente con la tempesta del mondo. Sedersi nella quiete in mezzo al vento e al rovescio della vita. Abbiamo l'opportunità di aprirci, di ballare con esso, di trovare anche la gioia nell'immensa incertezza che è la nostra vita.

Balliamo, amici miei. Amiamo ciò che ci circonda.

Condividi !
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Proudly powered by WordPress