Mentalmente lasciando andare di vergogna: abitudini zen


"Se impariamo ad aprire i nostri cuori, chiunque, comprese le persone che ci fanno impazzire, può essere il nostro insegnante".

Pema Chodron

Di Leo Babauta

Ieri stavo parlando con un amico che sta attraversando un periodo molto difficile, e di tutte le emozioni che sono emerse durante questa lotta (rabbia, disperazione, ecc.), La è stata l'emozione più difficile di tutti.

Tutti noi proviamo vergogna, ed è perfetto OK sentirlo. Non c'è niente di sbagliato in noi se proviamo vergogna: è un'emozione molto umana.

Ma non è molto utile nella maggior parte delle situazioni, e quindi possiamo portare consapevolezza per sopportare la vergogna. E pratica lasciandolo andare.

Prima che possiamo lasciar andare, vale la pena lavorare con intelligenza con la nostra vergogna.

Che vergogna ci mostra

Quando ho detto che la vergogna non è molto utile, non ho detto tutta la verità – in realtà, è molto utile, nel mostrarci cosa pensiamo di noi stessi.

Quando proviamo vergogna, di solito è perché abbiamo fatto qualcosa che pensiamo ci dica qualcosa di vergognoso. E così ci mostra dove crediamo ci sia qualcosa di sbagliato in noi, qualcosa di inadeguato, di brutto, indegno di amore.

Certo, questo non è vero. Ma per lasciare andare quella convinzione radicata, dobbiamo prima vederla. La vergogna ci mostra dove quella credenza si nasconde.

Darò alcuni esempi dalla mia vita:

  • Ultimamente sono stato a mangiare troppo (una mia vecchia abitudine), il che mi ha portato a sentirmi sovrappeso e non sexy. Questo ha suscitato sentimenti di vergogna per il mio corpo e mancanza di disciplina. La vergogna dice che credo di essere brutto e indisciplinato, e quindi inadeguato e indegno dell'amore.
  • Ho attraversato un periodo molto impegnativo ultimamente, dove ho abbandonato tutte le mie amate per alcune settimane, come esercizio fisico, meditazione e responsabilità. Questo ha portato alla vergogna di non essere (di nuovo) disciplinati, ma anche di non praticare ciò che predico. La vergogna dice che credo di essere indisciplinato, un impostore, inadeguato.
  • Ho provato molta vergogna quando mi sono indebitata. Questo ha portato alla vergogna che ha dimostrato la mia convinzione di essere cattivo nelle finanze, di badare a prendermi cura della mia famiglia, di essere cattivo padre e fornitore. E ancora, inadeguatezza e indegnità di essere amati.
    Alla fine, la convinzione principale è che siamo inadeguati e indegni di essere amati. Ma la ragione per cui crediamo è che crediamo di non aver avuto aspettative: avere successo, essere snelli, essere disciplinati, essere generosi, contribuire alla società, essere attenti all'ambiente, ecc.
    Le aspettative sono nelle nostre menti, ma ci sono state date dalla messaggistica della società, sin dalla nascita.
    Queste aspettative e convinzioni non sono così solide come crediamo. Una volta che possiamo vederli, possiamo portare pratiche di consapevolezza per lavorare con loro.
    Lavorando consapevolmente con le credenze che causano vergogna
    Può essere utile annotare le convinzioni che ci fanno sentire vergognosi o dirle ad alta voce (magari ad un'altra persona, come un amico fidato o un terapeuta). Tirarli fuori dalle nostre teste ci aiuta a chiarirci le idee.
    E a volte pronunciarli ad alta voce può farli sentire un po 'sciocchi. L'ho trovato vero per me stesso – dire che una convinzione ad alta voce di un'altra persona gli toglie un po 'del suo potere, forse mi mostra quanto io sia duro con me stesso.
    Quindi, una volta che l'abbiamo detto ad alta voce o annotato, diamo un'occhiata a come portare le pratiche di consapevolezza nell'equazione:
  • Lasciati sentire la vergogna. Spesso non ci lasciamo davvero provare questa emozione, perché non ci piace. Invece, apri il tuo cuore e in realtà senti la vergogna nel tuo corpo. Sii curioso: come ti senti? Dove si trova nel tuo corpo? Che temperatura, consistenza, sapore ha? Guardalo con occhi nuovi di zecca, con la mente del principiante.
  • Chiediti se la credenza è vera. Se credi di essere indisciplinato, chiedi a te stesso, "È vero che sono indisciplinato?" Potrebbe sembrare molto vero e solido, ma nel porre questa domanda, lascia spazio alla possibilità che non sia affatto vero, o almeno non completamente vero. Sei mai stato un po 'disciplinato? Ci sono esempi in cui puoi indicare dove la credenza non era completamente vera? Lascia che la credenza si senta meno solida.
  • Vedi la tua bontà fondamentale. Se al centro della nostra vergogna c'è la convinzione che siamo in qualche modo inadeguati, non abbastanza buoni … allora vale la pena di vedere che in realtà siamo bravi. Abbiamo una bontà fondamentale nel nostro nucleo. Fai questa meditazione sulla tua bontà fondamentale e inizia a credere che questa bontà ci sia sempre.
  • Datti compassione e amore. Se hai la convinzione di non essere degno dell'amore … puoi immediatamente confutare ciò dandoti amore. Per prima cosa, pratica il muscolo dell'amore e della compassione sentendolo per qualcun altro. Immagina qualcuno che ami teneramente, e immagina che abbiano difficoltà: invia loro compassione, un sincero desiderio che la loro sofferenza finisca, un sincero desiderio per la loro felicità. Senti come si sente e da dove viene nel tuo cuore. Quindi, provalo tu stesso: riversa gli stessi sentimenti di amore e compassione dallo stesso posto nel tuo cuore, ma verso te stesso. Anche tu stai soffrendo e meriti il ​​tuo stesso amore e compassione. Senti come ci si sente e lascia che sia la prova che sei degno di amore.
    Se ti eserciti in questo modo, potresti iniziare a sciogliere le tue convinzioni che causano vergogna e lasciare che tu abbia fiducia nella tua bontà fondamentale e dignità d'amore.
    E se lo fai, la vergogna potrebbe iniziare a svanire, non è più necessario. Cosa resteresti se non avessi la vergogna?
Condividi !
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Proudly powered by WordPress