The Power of Sitting Zen

Meditazione guidata, autoipnosi e seduta Zen sono abbastanza diversi per essere considerati in diversi contesti. Ma hanno anche molto in comune. La cosa principale che hanno in comune è il raggiungimento di uno stato di coscienza di rilassamento non comune. Ma vale la pena di considerare dove finisce una tecnica e inizia l'altra, e quando possono essere usate in modo intercambiabile.

Meditazione guidata

Questa è una tecnica molto efficace che aiuta a calmare il corpo, un muscolo alla volta. Inizia con una voce rilassante che ti guida attraverso una serie di passaggi. Può essere il tuo istruttore di yoga, uno in un CD o un altro allenatore. Le candele e l'incenso sono comunemente usati mentre la musica non intrusiva può suonare sullo sfondo. La guida aiuta a focalizzare la consapevolezza su ogni pollice del corpo, cominciando dalla sommità della testa e spostandosi fino alle dita dei piedi. Il punto è di scrollarsi di dosso la natura chiacchierona della mente razionale.

L'uso di immagini è comune durante le sessioni di meditazione guidata. Un esempio è passeggiare attraverso una rigogliosa foresta verde o immaginare l'acqua che vi scorre su ritmi dolci e ondulati. Il punto è portarti in un luogo di benessere e pace naturale.

Self-Hypnosis

Se il tuo obiettivo è quello di fermare una dipendenza o altra tendenza indesiderata, allora l'autoipnosi è una buona tecnica. L'ipnotismo è circondato da equivoci. Spesso derivano da commedie teatrali in cui un mentalista ipnotizza una vittima e assume la propria volontà. Nessuno può biasimarci dal voler evitare queste possibilità.

Ma in realtà l'ipnosi è una disciplina della mente usata per accedere al subconscio per guarirlo. L'obiettivo è terapeutico. Secondo G.V. Sunnen (M.D.), l'ipnosi medica è sempre più riconosciuta come una potente modalità di guarigione. Attraverso l'instillazione di immagini di guarigione, può neutralizzare l'ansia e preparare un paziente per la chirurgia, il parto e altre procedure.

L'ipnosi guidata continua da dove si ferma la meditazione guidata. Impegnando il sistema nervoso autonomo, è possibile accedere ai più alti regni della psiche. Gli psicologi dello sport lo considerano il più rilassante rilassante non farmacologico noto alla scienza.

Seduto Zen

Una volta raggiunto uno stato di completo rilassamento del corpo, è possibile abbandonare tutti gli obiettivi. Nello Zen seduto non ci sono obiettivi e non vi è alcun processo di pensiero.

Una volta che le gambe sono ripiegate sul cuscino in qualsiasi posizione si senta a proprio agio, il lavoro è stato fatto con lo Zen seduto. Nessuna voce dell'istruttore è necessaria, niente incenso, niente candele, niente musica di sottofondo, nessuna forma.

La meditazione è uno stato di coscienza che non può essere forzato. È la condizione in cui diventa disponibile per scoprire cosa succede dopo, come dice Andrew Cohen. Non è un momento di successo. È il momento di cancellare la voce della mente e vedere cosa verrà dopo, se non altro. Questo è lo stato in cui è nota la magia del sussurro più sorprendente. La voce che sopprime la staticità della vita quotidiana.

Come abbiamo visto, tutti i metodi implicano un profondo rilassamento. Auto-hypnoses e Sitting Zen iniziano dove finisce la meditazione guidata. Detto diversamente, la meditazione guidata è il passo preliminare degli altri due. L'ipnosi è l'ideale per sviluppare nuove competenze o realizzare cambiamenti comportamentali. Ma la meditazione Zen è l'unico ambiente in cui è conosciuta la verità profonda, senza un programma predeterminato. Ti riporta a se stesso. Per questo motivo, Sitting Zen è unico e diverso da tutte le altre tecniche.

Condividi !
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Proudly powered by WordPress