Tag: comuni

8 Miti comuni di meditazione: qual è il modo "giusto" per meditare?

Common Meditation Myths: What’s the “Right” Way to Meditate?


Miti comuni di meditazione: qual è il modo "giusto" per meditare?

Se il tuo feed di Facebook è indicativo, il modo giusto di meditare è indossare una canottiera e stare seduto a gambe incrociate su una montagna con un sorriso sulle labbra mentre la tua testa punta leggermente verso il cielo.

Ma quando Facebook ti ha dato buone istruzioni?

Ci sono molti modi per meditare, ognuno dei quali offre diversi modi per imparare ad essere presente. In questa seconda parte di una serie in 3 parti su "Common Meditation Myths", vedremo alcuni dei miti su Come meditare (Se hai perso la prima parte, clicca qui per leggere).

Sapere che ci sono molti modi per meditare espande le tue opzioni. Non sarai limitato nel cercare di raggiungere un particolare ideale.

Mito n. 1: mediti meglio in una stanza tranquilla

Quando chiedi ai meditatori di aver bisogno di un ambiente tranquillo, è probabile che tu abbia risposte molto diverse.

Una delle mie prime comunità di meditazione aveva molte giovani famiglie. Siamo tutti d'accordo sul fatto che volevamo che i bambini crescessero vedendo la meditazione come parte della loro vita. Siamo tutti d'accordo sul fatto che dovremmo essere in grado di concentrarci con o senza disturbi.

Quindi abbiamo invitato le persone a portare i loro bambini e bambini nel circolo della meditazione.

Ed è stato difficile!

C'era rumore e disturbo. I genitori si sono alzati e abbassati. I bambini correvano in giro.

Sebbene sapessimo che teoricamente potevamo meditare in qualsiasi ambiente, le nostre pratiche non erano ancora abbastanza forti per un ambiente caotico. Le distrazioni erano troppo per le nostre menti scimmie non ancora allenate.

Non lo fai bisogno una stanza tranquilla per la meditazione. In effetti, puoi usare il rumore come supporto per la tua meditazione.

Ma quando inizi, può essere utile ridurre il più possibile le interruzioni.

Se riesci a chiudere una porta e bloccare qualche rumore prima di meditare, fallo. Ma una volta che hai fatto del tuo meglio per rendere il tuo ambiente abbastanza silenzioso, basta meditare. Porta la tua consapevolezza ai suoni e nota cosa fa la tua mente quando li senti.

Mito 2: mediti la miglior seduta nella natura

Questo mito è un duro perché gli esperti di meditazione lo alimentano. Dopo tutto, quante lezioni di meditazione, libri, corsi o strumenti hai visto con l'immagine di un meditatore (di solito giovane, bello e femminile) seduto beatificamente nella natura?

A volte si siede in una foresta. A volte vicino all'oceano. A volte è sull'apice di una scogliera che si affaccia su un panorama stupendo.

È difficile immaginare di poter meditare in un altro modo, non è vero?

È importante ricordare che tutte quelle immagini sono marketing, non istruzioni di meditazione.

La natura è importante Quando mediti nella natura, potresti trovare più facile rilassarsi, toccarti in un punto profondo, tranquillo o sganciarti dalla tua vita frenetica e quotidiana.

Ma solo perché stare seduti in natura è un buon supporto per la meditazione, non significa che sia un prerequisito.

Puoi praticare la meditazione ovunque tu sia. In effetti, è utile esercitarsi nelle circostanze delle normali routine.

Non fare "andare in un centro di ritiro" una ragione per non meditare.

Mito n. 3: meditare è difficile

È difficile mettere a fuoco la mente facilmente distratta?

Sì.

Proprio mentre ti stabilisci nella tua meditazione, potresti già notare che l'hai lasciato.

Ma la meditazione non è "dura" come lo sforzo.

È impegnativo perché non è facile. È a disagio

Più e più si notano cose su di te che sono difficili da ammettere. Più e più volte devi rimettere a fuoco.

Tutti sono consapevoli. È il tuo stato naturale. Sta disturbando la tua mente rumorosa.

Mito 4: meditare è facile

Non c'è niente di complicato nell'imparare a meditare.

  1. Trova una posizione comoda.
  2. Attira la tua attenzione su qualcosa: i tipici supporti di meditazione sono suoni, il tuo respiro o i tuoi pensieri.
  3. Guarda cosa succede.

Semplice? Sì.

Ma è così facile? Probabilmente no.

Non è insolito che la meditazione sia molto scomoda.

Anche se le istruzioni per meditare sono semplici, la pratica può essere difficile.

Mito n. 5: la meditazione può richiedere anni per imparare

Come gli ultimi due miti, questo è sia vero sia falso.

Molti insegnanti di meditazione hanno trascorso decine di migliaia di ore a meditare. E saranno i primi a dire che a malapena sanno qualcosa a riguardo.

Ma pensare che devi essere come i maestri per poter meditare è come pensare che devi essere un pianista da concerto per poter suonare il piano.

Se ti siedi e mediti anche solo una volta, sai già di più sulla meditazione di quello che hai fatto prima.

Non lasciare che la paura di non essere mai un maestro ti impedisca di iniziare.

Mito n. 6: devi sederti ancora per meditare

È difficile stare fermi. È difficile per chiunque ma è particolarmente difficile per alcuni corpi.

Stare fermi non è un prerequisito per meditare.

Se hai difficoltà a stare fermo, hai alcune opzioni.

La meditazione ambulante è un modo per portare la consapevolezza in movimento. Alcuni insegnanti raccomandano di camminare lentamente e deliberatamente. Altri ti incoraggiano a camminare ad un ritmo regolare.

Indipendentemente da come cammini, porta la tua consapevolezza al processo del camminare. Osserva cosa sente il tuo corpo mentre cammina. Diventa consapevole delle sensazioni.

L'altra opzione è quella di dirigere la meditazione sulla lotta per sedersi. Notate come ci si sente a voler muovere. Diventa consapevole di come reagisce la tua mente. Quanti modi crea la tua mente per giustificare lo spostamento? In che modo la tua mente si occupa del disagio di voler muovere?

Se sei seduto o ti stai dimenando, puoi ancora meditare.

Mito 7: Devi essere in grado di incrociare le gambe per meditare

Ci sono molte posizioni per meditare. Sedersi su un cuscino, sedere su una sedia, camminare, sdraiarsi …

Alcuni corpi non possono sedere con le gambe incrociate, quindi non farlo. Trova un'altra posizione e medita.

Mito 8: Devi chiudere gli occhi per meditare.

Quando immagini la gente che medita, scommetto che ti immagini qualcuno con gli occhi chiusi.

È abbastanza comune chiudere gli occhi, ma non è obbligatorio. Alcune tecniche di meditazione consigliano di tenere gli occhi aperti.

Come fai a fare questo? Proprio come potresti meditare sui suoni. Porta la tua consapevolezza alla tua visione. Nota quali forme, colori e trame vedi. Diventa consapevole dei giochi di luce.

Il mese scorso abbiamo esaminato i miti cos'è la meditazione?. Il prossimo mese esamineremo i comuni miti della meditazione sui benefici della mediazione. Una volta che sai cos'è la meditazione e non lo è, sarai in grado di trovare le tecniche di meditazione che sono giuste per te.

Condividi !
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Proudly powered by WordPress