Tag: dolore

Praticare con la paura e il dolore di perdere opportunità: le abitudini zen


Di Leo Babauta

Ho un amico che sta lavorando a un progetto significativo su cui vuole concentrarsi … e così ha detto no ad alcune eccitanti opportunità.

Si trattava di progetti in cui le persone che ha molto rispetto vogliono che lavori con loro. Come puoi dire di no a questo ?!

Comprensibilmente, si sentì in difficoltà dopo aver detto no a queste straordinarie opportunità – il dolore e la paura di perdere. Penso che molti di noi possano identificarsi con questo.

La paura e il dolore di perdere (in realtà, qualsiasi paura o dolore) possono essere una straordinaria opportunità per praticare, per aprire i nostri cuori, per affrontare i nostri sentimenti profondi di inadeguatezza.

È una pratica trasformativa.

Dire di no è dire di sì alla messa a fuoco e allo spazio

Diciamo che stai perdendo opportunità importanti dicendo di no. Normalmente non si dice no, si dice sì a troppo e si sovraccarica costantemente. Sei sempre troppo impegnato, stressato per fare tutto, essere oberato di lavoro e incline al burnout, mancare le scadenze e non fare il meglio che puoi sui progetti perché hai troppo da fare.

Quindi dire no a queste opportunità è un grande cambiamento. Significa:

  • Hai intenzione di dare la priorità a ciò che è nel tuo piatto. Finalmente!
  • Stai per creare spazio per la sanità mentale, per la cura di sé, per non bruciare.
  • State concentrando completamente sul lavoro che è più significativo per voi, che siete più impegnati a fare.

Queste sono cose incredibili. Queste sono azioni amorevoli a te stesso e alle persone a cui tieni.

Eppure, sorge la paura e il dolore di perdere incredibili opportunità.

Praticare con la paura e il dolore

Quindi ti accorgi di essere alle prese con questa paura e questo dolore. È un'incredibile porta per la pratica e la trasformazione.

Ecco come potresti esercitarti:

  • Fermati e nota che stai provando paura o dolore (o entrambi) di perdere qualcosa di importante. Dolore di non essere in grado di fare ciò che vorresti fare. Paura di perdere ciò che dovresti fare.
  • Fermati e lasciati sentire il dolore e la paura. Non ci lasciamo sentire, e scappiamo da esso, evitalo, temiamo le emozioni. Ma abbiamo la capacità di provare più di quanto ci lasciamo temere. Abbiamo il coraggio. Mettiti in pausa e sentilo davvero – non i pensieri su ciò che ti manca, ma la sensazione fisica di paura e dolore.
  • Chiediti se c'è qualcosa nel tuo piatto in questo momento che è meno importante di quello a cui hai detto di no. C'è qualcosa nel piatto che toglieresti per fare spazio a questa opportunità? In caso contrario, le priorità sono chiare (anche se non ci sarà mai la certezza che sia la scelta giusta).
  • Ricorda a te stesso che hai detto di sì alle tue priorità e alla concentrazione e allo spazio. Che questa paura e questo dolore provengano da questo atto incredibilmente amorevole di dire sì a concentrazione, spazio e priorità. È parte dell'esperienza e lo sentirai molte più volte. E va bene!
  • Ricorda a te stesso che avresti sentito un dolore ancora più grande se avessi detto di sì. Il dolore di essere sovraccarico, troppo occupato, sfinito, senza mai avere il tempo. Il dolore del burnout, delle scadenze mancanti, del peggiorare di quanto è possibile su ogni progetto. Il dolore che senti ora non è così male.
  • Senti l'amore nel dire di sì alle tue più grandi priorità. Senti l'amore nel dire di sì per mettere a fuoco e spazio. Apprezzo quanto sia sorprendente.
  • Temendo di perdere è anche una sorta di "avidità" (in senso non pregiudizievole) – vogliamo sempre di più, e vogliamo impilare le nostre tavole in alto con tutto. Invece, possiamo essere grati per quello che abbiamo messo sui nostri piatti? Possiamo vedere quanto sono incredibili le cose che abbiamo scelto? Possiamo vedere che sono abbastanza e non abbiamo bisogno di più?
  • Al centro della paura di perdere è il nostro profondo sentimento di inadeguatezza. Temiamo che se perdiamo qualcosa di importante, in qualche modo non saremo OK. Lasciati affrontare il dolore dei tuoi sentimenti di inadeguatezza e fatti amicizia con questo. Puoi essere amichevole e gentile con questi sentimenti di inadeguatezza?
  • Senti la bontà in te stesso per gli atti che hai fatto. Sei una persona bella e coraggiosa con un buon cuore. Puoi gestire le cose se non risultano come preferisci. L'hai superato molto peggio.

Impara a fidarti di te stesso vedendo la bontà in te stesso. Impara a convalidare te stesso. Impara a fare amicizia con te stesso. Impara ad avere il coraggio di sentire tutto e di essere OK con ciò che senti.

Alla fine, perderai sempre qualcosa di importante. È inevitabile. Ma quello che stai guadagnando merita di essere grato.

Condividi !
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Proudly powered by WordPress