Tag: meditazione guidata del perdono

Mindfulness … Then What? – Sulla meditazione

Mindfulness ... Then What? - Sulla meditazione


la meditazione-and-consapevolezza

Un mio cliente, che è un medico, ha raccontato una storia in cui un suo paziente è tornato nel suo ospedale poche settimane dopo essere stato visto. Il suo paziente era irato, sentendo che il mio cliente non aveva "messo insieme i punti" e quindi non aveva impedito il suo attacco cardiaco.

Il mio cliente, con decenni di esperienza alle spalle, ha revisionato la cartella clinica del paziente e anche con il senno di poi, ha concluso che al momento aveva dato il miglior trattamento possibile alla sua paziente.

Nonostante la sua logica rassicurazione, una voce fastidiosa rimase nel medico: "Che cosa ho fatto di sbagliato? Cosa mi sono perso? Sono un praticante incompetente? A quali altri clienti ho prestato scarsa attenzione? "

Ha condiviso questa storia per me e ha descritto come il suo critico interiore non lo avrebbe lasciato solo. Ha concluso, "Beh, non devo fare attenzione alla consapevolezza … o non devo essere abbastanza attento."

Ho risposto che sta praticando la consapevolezza. Ma c'è di più nella storia.

La consapevolezza riconosce ciò che è

La consapevolezza è uno strumento potente. Può aiutarci ad ottenere una salutare separazione tra la staticità della vita (sia il mondo esterno che quello interno) e le nostre risposte.

Comunemente, avere solo quella separazione fornisce un enorme sollievo dallo stress. Siamo in grado di acquisire un senso di prospettiva sulle nostre vite e riconoscere ciò a cui vale la pena rispondere, e ciò che è semplicemente il rumore di fondo.

Eppure non viviamo nel vuoto, e dobbiamo ancora rispondere.

I limiti della consapevolezza

La consapevolezza è passiva. È semplicemente essere consapevoli di ciò che sta accadendo. Prendendo questo approccio all'estremo, dove tutto ciò che siamo è consapevole, non faremmo mai nulla.

Ad esempio, non fare nulla dopo aver notato "Sono consapevole che sono affamato." Ci porterà a "Sono consapevole che sto morendo di fame". E poi a "Sono consapevole che sto morendo di malnutrizione “.

La consapevolezza è il primo passo su un processo. Non è il fine-tutto-tutto-tutto. Non siamo fatti per essere solo passivi nelle nostre vite. Prendere provvedimenti attivi è una parte fondamentale della nostra esperienza.

Sono consapevole … Ora che cosa?

Una volta che siamo consapevoli di qualcosa, siamo autorizzati a fare la differenza. La consapevolezza ci aiuta a rompere gli schemi di iper-reattività a tutte le sensazioni a una risposta gentile e riflessiva alle sensazioni importanti.

Per il mio cliente medico, ho spiegato che se dovessi andare al pronto soccorso per ogni singolo problema di tic, dolore o digestione che ho mai provato, sarei al pronto soccorso ogni giorno. Invece, praticare la consapevolezza mi consente di essere consapevole delle sensazioni mentre accadono. Li vedo andare e venire.

Per le sensazioni spiacevoli che rimangono nel tempo, diciamo un dolore al ginocchio che dura per un po ', la consapevolezza mi farà solo sapere che è lì. Se voglio che si senta meglio, ora sono incaricato di prendere provvedimenti per farlo accadere.

Ho offerto al mio medico cliente che è già consapevole perché è consapevole che il suo critico interiore è forte e presente e non controlla le sue azioni. Non sta correndo, chiamando freneticamente tutti i suoi vecchi pazienti per vedere se stanno bene, né sta cambiando il modo in cui si prende cura dei suoi attuali pazienti. Ha una salutare separazione da questa voce interiore.

Praticare la consapevolezza non farà semplicemente svanire questa voce. Ora che ne è consapevole, ha il potere di prendere provvedimenti per sentirsi meglio, proprio come lo sarebbe se avesse un dolore al ginocchio duraturo.

Ci sono dozzine di modi in cui può avvicinarsi a lavorare con questa irritante irritante interiore. La sua presenza mentale gli ha dato la libertà di usare consapevolmente la sua volontà e di prendere provvedimenti per aiutarlo a muoversi nella direzione che gli porterà pace duratura.

Condividi !
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Proudly powered by WordPress