Tag: meditazione guidata per il terzo chakra

E se non riesci a meditare nonostante ci provi –

Frustration in Meditation Photo


Frustrazione in foto di meditazione

Cosa fare quando non puoi meditare?

Questo è un problema molto comune Fai una routine per la meditazione e assegni del tempo per meditare. Tuttavia, nonostante tu stia facendo del tuo meglio, scopri che in un giorno particolare o, per alcuni giorni consecutivi, non sei in grado di meditare.

Focus, semplicemente non c'è. Ti senti come se tutta questa faccenda fosse falsa. La meditazione non fa per te. Non importa, sinceramente, non sei in grado di concentrarti. Il tempo vola via in quel particolare spazio. Cominci concentrandoti sulla respirazione e, dopo 15-20 minuti, finisci mentre pensi a quel tipo malvagio nel tuo ufficio che è diavolo intenzionato a creare quanti più problemi nella tua vita il più umanamente possibile. Oppure finisci per pensare a quella meravigliosa maglietta che volevi comprare al Mall durante il tuo viaggio del fine settimana, ma non potevi farlo solo per l'esposizione!

In poche parole, la tua mente entra nel vortice dei desideri durante quel breve arco di meditazione dedicato. E tu sei pazzo.

Quindi cosa fare in questa situazione?

Niente. Il fatto stesso che ti stai rendendo conto che è difficile concentrarsi durante la meditazione è di per sé un passo positivo nella giusta direzione. Metti da parte un po 'di tempo nella tua routine quotidiana per la meditazione, ti siedi in pace durante quel periodo per la meditazione e hai provato in modo genuino a meditare. Questo è abbastanza. Anche se il risultato finale non è stato soddisfacente come desiderato. Il tempo che hai trascorso cercando di meditare non è tutto perso. Credimi. Quando ti rendi conto che la tua mente continua a vagare durante la meditazione, accresci effettivamente la tua conoscenza della natura della tua mente scimmia.

La cosa più difficile è essere consapevoli di questo vagare della mente. Una volta coinvolti nel processo di pensiero, diamo carburante a questo vagabondaggio. Ma appena ti rendi conto di questo vagabondaggio, ritorni delicatamente al processo stesso della meditazione. Quindi sei stato nuovamente coinvolto nel vagare. Poi di nuovo ti rendi conto e torni. E continua.

Lentamente lentamente, mentre continui a provare, approfondisci la tua pratica. Inizi a scegliere di non essere coinvolto nel processo di pensiero. E questo coinvolgimento è il cibo della mente. Una volta, la fornitura di questo cibo viene interrotta, la mente inizia a seguire il tuo comando.

Sembra difficile all'inizio. Tuttavia, mentre continui a provare, diventa molto facile. Infine.

La chiave è non scoraggiarsi. Quando lavori sulla tua mente, stai lavorando sulla bestia più difficile del mondo. È estremamente difficile domarlo. Ma puoi domarlo, a condizione che non ti frustri. A condizione che continui a conoscerne la natura.

A lungo termine, l'atto stesso di sedersi quotidianamente per meditare, anche se lo stesso non sembra avere alcun effetto sul tuo essere interiore, porterà un notevole cambiamento in te. Aspetta e guarda.

Saluti,

Condividi !
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Proudly powered by WordPress