Tag: meditazione guidata per sogno lucido

4 chiavi per superare il pensiero negativo per il bene

Negative Thinking


Pensare negativo

Ti sforzi mai con il pensiero negativo? Se hai un aspro critico interiore o sei preso da preoccupazioni, stress, ansia, depressione o lotta con bassa autostima, allora conosci alcuni dei sintomi di prima mano.

Modelli di pensiero negativi (inutili) possono avere un impatto forte e talvolta devastante sulle nostre relazioni, sulla nostra salute, sul nostro lavoro … sulle nostre vite.

Con le quattro chiavi elencate di seguito e un po 'di pratica, credo che chiunque possa liberarsi dalla negatività per sempre. Perché ci credo? Perché se riesco a farlo (e ho) dal luogo buio in cui mi trovavo, allora credo che questi strumenti funzioneranno anche per te, indipendentemente da dove ti trovi.

PERSONE INEFFETTIVE LE PERSONE PROVANO A FERMARE PENSIERO NEGATIVO

Le persone spesso provano molti modi diversi per liberarsi dei loro pensieri negativi, comprese distrazioni, distrazioni o "affogando le loro pene" solo per poi mentalmente battersi per essere ancora bloccati nella loro negatività. Può sembrare una vera battaglia interna. Queste sono strategie comuni che cercano di fermare i pensieri e intorpidire il dolore a breve termine, ma peggiorano solo le cose a lungo termine. Non risolve il problema nel suo nucleo.

La ricerca mostra che lottare, discutere, cercare di affogare o allontanare pensieri inutili li amplifica e peggiora le cose (1).

Se stai lottando con il pensiero negativo, posso dirti dalla mia esperienza personale che è possibile cambiare le cose, coltivare la pace interiore e vivere una vita ricca, significativa e appagante. Continua a leggere per scoprire come. Ma prima un po 'della mia storia.

LA MIA STORIA

Sono passato dall'essere una persona bulimica, odiata di sé e disillusa a "svegliarmi" dalla negatività che mi affliggeva e in un senso di libertà interiore, facilità e interezza che non avrei mai potuto immaginare nei miei giorni più bui. È come se la prigione mentale in cui ero ingabbiato fosse diventata una casa calda, accogliente e accogliente in cui dimorare. La mia mente è un luogo di riposo, conforto e agio.

Ora passo la mia vita insegnando ad altre persone le abilità e gli strumenti che hanno cambiato la mia vita. Hanno lavorato per me e centinaia di altri – e possono lavorare anche per te, se ci provi.

Una volta compreso ciò che causa il pensiero negativo e integrare le abilità per lavorare con la mente in modi nuovi, puoi trasformare la tua vita da dentro e fuori.

Una cosa prima di continuare a leggere: è importante notare che se stai cercando una soluzione rapida questo non è quello che ho da offrirti qui. Questo richiederà un po 'di pratica e perseveranza da parte tua, ma ho un piccolo insieme di meditazioni e abilità qui sotto per supportarti e guidarti lungo il cammino (e ritiri se sei pronto a fare il salto).

Le quattro chiavi lavorano tutte insieme per creare la capacità di recupero mentale e una mente calma e chiara.

CHIAVE UNO: RICONOSCERE E PASSARE DALLE PATTERN NEGATIVE PENSIERO

I modelli di pensiero negativi sono pensieri inutili e ripetitivi. Provocano direttamente ciò che potremmo descrivere come emozioni "negative" (indesiderate o spiacevoli) come ansia, depressione, stress, paura, indegnità, vergogna, ecc.

Una volta che impariamo a riconoscere e identificare i modelli di pensiero negativo mentre si verificano, possiamo iniziare a fare un passo indietro da loro. Questo processo di distacco dai pensieri è chiamato "defusione cognitiva". Nella defusione cognitiva impariamo a vedere i pensieri nella nostra testa semplicemente come questo: solo pensieri. Non realtà. Vedete quando siamo fusi con i nostri pensieri (fusione cognitiva) tendiamo a prendere molto seriamente i nostri pensieri. Noi crediamo in loro. Compriamo in loro e obbediamo a loro. Li suoniamo.

Quando siamo non fusi con i nostri pensieri – quando possiamo fare un passo indietro nella defusione cognitiva, allora non prendiamo troppo sul serio i nostri pensieri. Li teniamo alla leggera. Li ascoltiamo solo se li troviamo preziosi o utili. Certamente non pensiamo che i nostri pensieri siano "la verità" e non li obbediamo automaticamente né li eseguiamo. Vediamo i nostri pensieri come semplici frammenti di linguaggio che attraversano la mente. Eventi mentali se vuoi, che si muovono nella mente tutto il tempo proprio come il tempo passa attraverso il cielo. Abbiamo una scelta su come scegliamo di rispondere a loro.

L'esempio che mi piace usare spesso per illustrare la differenza tra fusione cognitiva e defusione cognitiva è questo … immagina di svegliarti un giorno e guardare fuori dalla finestra e vedere la pioggia. È possibile che un pensiero possa venire nella tua testa che dice "che giornata orribile". Ora è vero che il giorno è terribile? No, certo che no, sta semplicemente piovendo. Comunque se tu credere il pensiero "che giornata orribile", in altre parole se sei bloccato nel cognitivo fusione (letteralmente fuso con il pensiero) quindi indovina cosa avrai probabilmente? Esatto, probabilmente avrai una giornata terribile! In altre parole se credi in un pensiero del genere, può generare ciò che potremmo chiamare negatività.

Di seguito ti insegnerò uno strumento semplice e potente per creare cognitivi defusione (districandosi dai pensieri) facilmente e rapidamente – ma prima di tutto, c'è qualcosa che è importante per te sapere …

È completamente normale avere pensieri negativi! Fa parte della nostra storia evolutiva. Non c'è niente di sbagliato in te. Tutti noi abbiamo una mente che si è evoluta per essere costantemente alla ricerca di problemi e pericoli, quindi molti di noi hanno la mente incline ad avere molti pensieri negativi.

Il problema non è che abbiamo pensieri negativi. Il problema arriva quando noi credere nostro pensieri sono veri. Quando non sei più impigliato nei pensieri, perdono la presa su di te e perdono il loro potere di generare emozioni spiacevoli.

Torniamo all'esempio sopra. Immagina di stare a letto la mattina, guardi fuori dalla finestra e vedi che piove e ancora una volta sorge il pensiero "che giornata orribile". Se tu non sei fuso con il pensiero (non ci si compra) la tua esperienza sarebbe così. Stai guardando la pioggia che cade, poi guardi anche il pensiero (semplicemente come un evento mentale) "che giorno terribile" si alza e svanisce proprio come la pioggia sta cadendo … e dato che non lo prendi sul serio o non lo credi , non genera alcuna negatività, passa facilmente e sei libero di stare lì rilassato ea tuo agio, godendo il patter picchiettio della pioggia sul tetto.

Come puoi vedere, la capacità di riconoscere il pensiero inutile e di fare un passo indietro è incredibilmente liberatorio! Può cambiare la qualità di tutto il tuo giorno e in effetti tutta la tua vita. Ha il mio.

È importante essere in grado di riconoscere i tipi di stili di pensiero inutili che possono sorgere, quindi ecco alcuni altri modelli di pensiero negativo che sono più comuni. Stai attento a loro, e sotto, ti mostrerò cosa fare quando arriveranno …

PENSIERI E PENSIERI ANSIOSI

"La mia vita è stata piena di terribili disgrazie, molte delle quali non sono mai accadute". ~ Michel de Montaigne

Preoccuparsi è quando la mente proietta in un futuro immaginato e evoca scene e pensieri su ciò che potrebbe andare storto. Qui crea spesso scenari "what if".

A volte assume la forma di immaginare o aspettarsi che accadano cose brutte o che non succederà mai nulla di buono per te. Potresti soffrire per il deterioramento della tua salute, per il tuo rapporto in discesa, per la rottura della tua auto o per la rovina della tua carriera, anche se non è ancora successo nulla.

Potresti concentrarti sulla mancanza della tua vita e credere che niente potrà mai migliorare per te. Lo stress è legato al tuo futuro finanziario, al benessere dei tuoi figli o del tuo partner che ti lascia in questa categoria.

CRITICHE E AUTOLUTO

Hai un duro critico interiore? Stai sempre provando a metterti in forma, a maledirti mentalmente per non essere ancora abbastanza bravo? Sei in una missione di perfezione? Un altro modello di pensiero negativo è quello di criticare costantemente e "migliorare se stessi" perché non sei ancora abbastanza bravo. Potresti essere molto duro con te stesso, concentrandoti su tutte le tue debolezze e difetti percepiti.

Allo stesso modo, puoi estendere questa abitudine di critica ad altri nella tua vita. Questo può essere la causa di una tremenda tensione nelle relazioni. L'auto-discussione e l'autocritica negative spesso si traducono in scarsa autostima e mancanza di fiducia.

Un modo in cui alcune persone affrontano una bassa autostima è compensare questi sentimenti raggiungendo lo stato, i risultati e il riconoscimento. Altri possono sentirsi completamente debilitati da sentimenti di indegnità, diventando depressi o addirittura suicidi.

Non c'è niente di sbagliato nell'avere obiettivi e nel mirare a diventare più in forma o più sani e simili – possiamo semplicemente scegliere di fare quelli perché sono buoni per noi o vogliamo allungare e crescere. È uno spazio di testa molto diverso da fare quelle cose perché non ci sentiamo ancora abbastanza.

Quando la mente continua a concentrarsi su ciò che è sbagliato in te stesso (e nella tua vita) e dissocia da ciò che sta andando bene ed è buono, possiamo rimanere bloccati nella negatività.

SORPRESA E COLPA

Ruminare su errori commessi in passato crea spesso sentimenti di vergogna, senso di colpa e negatività. Sentimenti di inutilità possono sorgere quando giochi ancora e ancora nella tua mente, scelte "cattive" o azioni "sbagliate" che ritieni di aver fatto.

Non c'è nulla di negativo di per sé sulla semplice riflessione sulle esperienze passate. È così che possiamo imparare, crescere e maturare come persone. La negatività sorge quando si sofferma su una situazione ripetutamente senza alcuna reale intenzione di imparare e crescere, ma invece si è auto-battenti o si desidera che le cose siano diverse invece di accettare le cose come sono.

I PROBLEMI

I pensieri negativi spesso ruotano attorno a ciò che è sbagliato nella tua vita. La tua attenzione si fissa e esagera i cosiddetti aspetti negativi della tua vita. Qui la tua mente spesso sottovaluterà ciò che sta andando bene.

Ad esempio, potresti avere una famiglia meravigliosa, cibo da mangiare e riparo, ma la tua macchina si guasta ed è tutto ciò a cui puoi pensare e concentrarti su tutta la settimana. Consenti alla situazione con l'auto di dominare il tuo pensiero e le emozioni negative nascono come risultato.

Tutta la settimana sei frustrato, arrabbiato e depresso a causa della macchina, quando la tua attenzione può essere estesa a ciò che sta andando bene e ciò per cui sei grato.

La verità è che l'auto ha un problema. Non è più in esecuzione e deve essere portato al meccanico. Questo è un fatto semplice. Ruminare continuamente sulla situazione non è affatto costruttivo ed è un altro modo in cui possiamo rimanere intrappolati nella negatività.

Se hai questa abitudine di lamentarti per i tuoi dolori e i tuoi problemi, potresti sentirti costantemente frustrato, ansioso, depresso e apatico. Quando sei così assorto in ciò che è sbagliato, non sei in grado di notare ciò che è giusto.

Cercare e riconoscere questi schemi di pensiero negativi comuni quando si presentano ti aiuterà a essere consapevole di quando usare gli strumenti qui sotto per lavorare con loro abilmente e liberarti dalla loro presa.

OTTENERE UNSTUCK: LA TECNICA DI "NOME PER FARLO"

Le persone intrappolate nel pensiero negativo spesso mi dicono che si sentono senza speranza perché spesso lottano o discutono con i pensieri o li respingono, ma la ricerca dimostra che provare a lottare con i pensieri in questi modi li amplifica semplicemente (1) come potresti aver notato nella tua vita. Ciò a cui resisti persiste.

Quindi, come ti muovi attraverso la vita in modo pratico, pacifico e autentico senza rimanere bloccato in schemi di pensiero negativi?

Ecco il primo passo. È una tecnica molto potente, semplice, collaudata per districarsi dai pensieri senza lottare con loro. Si chiama la tecnica del "chiamarlo per domarlo".

"Chiamalo per domarlo" è una frase coniata dall'autore e psichiatra Dr. Daniel Siegel. Ecco le basi di come funziona "nominalo per domarlo":

Quando uno schema di pensiero inutile (e l'emozione associata) si pone semplicemente etichettate mentalmente la storia. Probabilmente hai notato che molti dei nostri pensieri sono ripetitivi e coinvolgono le stesse linee narrative. Per esempio, una delle mie storie è spesso: "Chi sono io per mettermi" là fuori "per insegnare la consapevolezza. Non dovresti essere perfetto prima !? Hai tutto questo totalmente insieme ?! "Trovo questa storia inutile, quindi quando i pensieri emergono lungo quella trama, ho semplicemente notato mentalmente a me stesso," Ahhhh la 'chi ti credi di essere' la storia è di nuovo qui "e poi lascio che sia partire.

Con "lascia andare" intendo semplicemente, smetto di dedicarmi tutta la mia attenzione e smetto di prenderlo così sul serio. Mi rendo conto è solo un pensiero, non la realtàquindi apro di nuovo la mia consapevolezza al mondo che mi circonda: gli uccelli tra gli alberi, i suoni, la brezza. Esco dalla mia testa e nella mia vita (più su questo in chiave due)

Non appena nominerai la trama o lo schema mentale, ora sei uscito dall'essere coinvolto in esso. In altre parole, hai iniziato la defusione cognitiva. Dal punto di vista delle neuroscienze, quando dai il nome ai pensieri smetti di essere dirottati da loro dalla negatività che creano (2) perché porti la parte più intelligente del tuo cervello online (la corteccia frontale). La corteccia frontale è riflettente e ti aiuta a fare un passo indietro e ottenere una prospettiva più ampia. Puoi fare la stessa cosa con le emozioni, nominandole per domarli come "ahhh l'ansia è qui" o "oh la vergogna è arrivata".

Quando nominate o etichettate i vostri pensieri o emozioni, un suggerimento importante. Assicurati di etichettare mentalmente, di farlo in un tono di voce gentile e gentile. Questo è importante in quanto ti aiuta a stabilirti e ad invitare la compassione e il rilassamento in quel momento invece che nell'aggressione o nella lotta. Non stiamo andando a combattere con la mente qui. Lo stiamo educando delicatamente a nuovi percorsi neurali di pace e serenità. A livello biologico, quando lo chiamate per domarlo 'in una voce rilassante, si ottiene persino uno schizzo di neurotrasmettitori rilassanti nel cervello! Questo porta sentimenti di calma, facilità e comfort (3).

CHIAVE DUE: ARRIVARE AI TUOI SENSI

"Non guardiamo indietro nella rabbia o in avanti nella paura, ma intorno nella consapevolezza". ~ James Thurber

Si noti che molti pensieri negativi fluiscono principalmente da due direzioni. Il primo è soffermarsi sul passato – forse rimuginare su errori, problemi, sensi di colpa e qualsiasi cosa nella tua vita che non sia andata nel modo in cui credi che sarebbe dovuto andare. Il secondo è preoccupante per il futuro: la paura di ciò che può accadere o meno a te stesso, agli altri o al pianeta.

Questo può assumere la forma di stress sul fatto che raggiungerete determinati obiettivi o ansietà riguardo alla sicurezza delle vostre finanze o relazioni. O forse potresti preoccuparti di invecchiare. Qualunque siano i tuoi particolari pensieri negativi, nota che per impegnarsi in schemi di pensiero negativi la mente deve focalizzarsi principalmente sul passato o sul futuro. O quello o giudichiamo e etichettiamo mentalmente le cose nel momento presente per essere "cattive".

Quando ci perdiamo nel pensiero negativo tendiamo a essere così assorbiti nei pensieri che perdiamo completamente il contatto con ciò che sta realmente accadendo nei momenti presenti della nostra vita. Ci mancano i piccoli piaceri del vivere ogni giorno. La luce del sole sulla tua pelle, il sapore del cibo che stiamo mangiando, una vera connessione con qualcuno che amiamo mentre parlano. Quando ci perdiamo in testa perdiamo il contatto con il mondo che ci circonda … e perdiamo il contatto con noi stessi.

Per diventare più presenti e capaci a Esci dal pensiero negativo, un metodo potente è quello di "riacquistare i sensi". Per farlo basta reindirizzare la tua attenzione fuori dai pensieri nella tua testa e focalizzare le tue percezioni sensoriali.

Sia che tu sia a casa tua, in ufficio, nel parco o in metropolitana, nota tutto ciò che ti circonda. Usa i tuoi sensi al massimo. Non entrare in un dialogo mentale sulle cose che vedi, ma solo essere consapevole di ciò che stai vivendo in questo momento.

Sii consapevole dei suoni, dei profumi, della sensazione dell'aria sulla pelle o dei punti di contatto con il sedile sotto di te. Sii lì pienamente nel momento. Questa è una forma di pratica di consapevolezza (di più su questo di seguito).

Ricerca del Prof. Mark Williams dall'Università di Oxford è emerso che quando sorgono difficoltà nella vita molti di noi tendono a farsi coinvolgere in un eccessivo pensiero inutile. A volte le persone cercano di smettere di pensare in modo non utile, ma non dobbiamo cercare di fermare i nostri pensieri. Un modo più efficace per alleviare tutto quel rumore interno, come insegna il professor Williams, è prestare attenzione alla nostra esperienza sensoriale diretta. In questo modo c'è semplicemente poco o nessun spazio lasciato nella nostra attenzione per tutto quel pensiero eccessivo. Venire ai nostri sensi calma la mente e ci guida nel momento presente.

Ora, non è che miriamo a vivere completamente immersi nei nostri sensi tutto il tempo. È opportuno pensare quando è utile, naturalmente. Ma possiamo usare questa consapevolezza dei nostri sensi per radicarci e centrarci in una consapevolezza più grande quando ci troviamo coinvolti nel pensiero negativo.

In realtà è quasi impossibile essere entrambi profondamente presenti nel momento nei nostri sensi e mantenere la negatività in corso! Provalo come esperimento e scopri da solo se è vero.

TERZA CHIAVE: PRATICA REGOLARE DI MINIMONIA

Al centro di ognuno di noi c'è uno spazio che conosce una pace profonda. Crescendo, tendiamo ad attirare sempre più persone nella mente – i nostri problemi, i nostri obiettivi, le nostre speranze, le nostre paure e i nostri desideri. Tendiamo ad essere così occupati, catturati e perdere il contatto con questo più profondo senso di sé … questa pura consapevolezza incondizionata.

Diventa facile per noi diventare più attratti dal pensiero negativo, più perdiamo il contatto con noi stessi in questo modo e ci perdiamo nella mente. In effetti, le ricerche dell'Università di Harvard mostrano che la maggior parte delle persone sta "vagando per la mente" il 47% dei loro giorni e questa è la radice di ciò che causa la fusione cognitiva (intreccio con i pensieri) (4).

Immagina l'oceano. A volte le onde di superficie possono essere tumultuose ma le profondità non sono influenzate, calme e pacifiche. Le nostre menti hanno la stessa natura. C'è una calma perfetta in ognuno di noi. Proprio sotto i nostri condizionamenti, pensieri e abitudini che a volte possono anche essere tumultuosi, c'è un posto tranquillo dentro e ci è sempre disponibile come rifugio calmo.

La consapevolezza è la pratica del risveglio a quella sorgente di integrità e pace. Si sta svegliando fuori dalla mente vagando (dove siamo persi nella nostra testa, le nostre vecchie convinzioni, abitudini, reazioni e schemi di pensiero) in modo che siamo in grado di vivere deliberatamente. Attraverso la consapevolezza costruiamo la nostra capacità di vivere da quella consapevolezza più profonda e domare la mente.

È stato dimostrato che la meditazione regolare della consapevolezza riduce lo stress, la depressione e l'ansia e migliora la funzione immunitaria. Le persone che praticano la meditazione riportano livelli complessivi di soddisfazione per la vita più alta di altre. In realtà, ricercatore e psicologo Matt Killingsworth ha scoperto che ciò che rende le persone più felici è essere pienamente presenti nel momento e che più le nostre menti vagano e più siamo infelici diventiamo (5). C'è così tanto potere in questa semplice pratica.

Praticando la meditazione quotidiana della consapevolezza, gradualmente coltiverai più consapevolezza e sarai meno coinvolto nella tua mente. Di seguito ho fornito una meditazione gratuita che è possibile scaricare e iniziare a praticare, ma il miglior punto di partenza è il 7 giorni di Mindfulness Course che puoi prendere gratuitamente qui.

Quattro modi per rafforzare la tua mente quando pratichi la meditazione:
Ogni volta che la tua mente vaga in meditazione, il tuo compito è di accorgertene e poi staccarti dal tuo flusso di pensiero e tornare ai tuoi sensi, nel momento. Questa è una pratica di districare dai pensieri più e più volte, un'abitudine che si traduce anche nel resto della tua vita. Diventa un'abitudine notare e lasciar andare con facilità.

Ogni volta che lasci andare il flusso di pensiero e ritorni nel momento presente, attingi alla calma e alla completezza nel cuore di chi sei. Un senso di pace, leggerezza e gioia si alza sempre di più ogni volta che pratichi.

Ogni volta che sei gentile e gentile con te stesso quando la tua mente vaga, invece di criticare te stesso, stai rafforzando la tua auto-compassione per momenti difficili nel resto della tua vita quotidiana. Diventi più resiliente allo stress e coltivi una mente più gentile.

Ogni volta che osservi la mente che è un'opportunità di "intuizione" nelle abitudini e nei modelli della tua mente, cresci in ciò che potremmo chiamare saggezza o autocoscienza.

CHIAVE QUATTRO: DOMANDE UTILI PER PENSIERI INSOLOSI

Alcuni tipi di schemi di pensiero negativi possono essere abbastanza "appiccicosi". Potresti scoprire di provare a "nominarlo per domarlo" e tornare indietro ai tuoi sensi, ma i pensieri continuano ad avere presa su di te. Se ti trovi in ​​questa posizione ci sono altri strumenti che puoi usare per districare dai tuoi pensieri e cambiare la tua concentrazione. Queste sono chiamate domande utili per pensieri inutili. Questi sono tratti da ACT (terapia di accettazione e impegno).

Puoi usare alcune di queste domande per mettere mentalmente in discussione i pensieri negativi e usare gli altri per cambiare la tua attenzione.

Ecco alcune domande che puoi porci per aiutarti a districarti dal pensiero. Tu chiedi loro e poi puoi rispondere loro nella tua testa. Di solito dovresti sceglierne uno in qualsiasi momento.

  • Questo pensiero è in qualche modo utile o utile?
  • È vero? (Posso assolutamente sapere che è vero)
  • E 'solo una vecchia storia che la mia mente sta interpretando per abitudine?
  • Questo pensiero mi aiuta ad agire in modo efficace?
  • Questo è comunque utile o la mia mente sta solo balbettando?

Quindi puoi (mentalmente) porre queste domande qui sotto per creare nuovo focus e nuove possibilità. Queste domande ti aiuteranno a concentrarti su pensieri e azioni costruttivi e ti aiuteranno ad affrontare efficacemente le tue sfide quotidiane e ad avanzare verso una vita più significativa. Ancora una volta, puoi usarne solo una alla volta, ma puoi sempre provare più di una.

  • Qual'è la verità? La mia verità più profonda?
  • Cosa voglio veramente sentire o creare nella situazione? Come posso andare verso quello?
  • Come posso sfruttare al meglio questa situazione?
  • Chi sarei senza questo pensiero negativo?
  • A quale nuova storia o pensiero posso concentrarmi ora?
  • Come posso vederlo in un modo diverso o nuovo?
  • Di cosa posso essere grato in questo momento?

Con queste potenti domande puoi cambiare la tua concentrazione dall'essere bloccati nella negatività e concentrarti su ciò che sta andando bene. Ti aiuteranno anche a intraprendere azioni costruttive e ad avanzare verso una vita più significativa.

Il pensiero costruttivo ti consente di essere felice quando le cose vanno bene e pone dei problemi di prospettiva quando i tempi diventano difficili, così puoi stare calmo e chiaro e gestirli in modo pratico ed efficiente.

PRATICARE I QUATTRO CHIAVI

Come accennato in precedenza, i quattro tasti non sono un metodo di "correzione rapida" per la creazione di modifiche permanenti di modelli di vecchia data. Il vero cambiamento richiede tempo ma ti prometto con un po 'di pazienza e pratica questi quattro tasti hanno la capacità di cambiare davvero il tuo mondo dall'interno.

Ora, nello stesso momento in cui dico che queste non sono una rapida soluzione permanente, scoprirai che in un dato momento di negatività, questi strumenti (in particolare 'chiamarlo per domarlo' e le domande utili) possono aiutarti a districare e cambia la tua mentalità.

Più pratichi questi strumenti, più diventeranno come una seconda natura per te. È come costruire un muscolo: più li usi, diventi mentalmente più in forma e più forte. Con il tempo le vecchie abitudini sono logorate e piuttosto che essere preoccupate della negatività, diventerai più calmo, centrato e consapevole di te stesso, portando a relazioni migliori, a una maggiore felicità generale e alla sensazione che la tua vita sia pienamente vissuta.

Col passare del tempo diventerai sempre più simile a quelle profondità oceaniche, meno influenzate dalle increspature sulla superficie e più connesse alla pace e alla completezza nel cuore di chi sei.

Spero che questo blog ti sia d'aiuto. Se avete domande o avete bisogno di chiarimenti su qualsiasi punto qui, per favore annotateli nella sezione commenti qui sotto. Sono sempre felice di aiutarti.

Post scriptum Se ti è piaciuto questo post potresti anche trovare il post su Come usare la consapevolezza per superare le emozioni negative utile o La via consapevole attraverso la perdita e il crepacuore. Un processo in 4 fasi e meditazione libera.

P.P.S. Ecco una meditazione che puoi usare per superare il pensiero negativo che incorpora alcuni dei tasti sopra. Questa è una delle molte meditazioni che ho registrato per l'app di Meditation Studio (la mia app di meditazione preferita) – puoi trovare più delle loro meditazioni di alta qualità disponibile qui.


Scarica Audio ora


(1) Soppressione del pensiero
(2) Dott. Dan Siegel: Se puoi nominarlo, puoi domarlo
(3) Dr. Dan Siegel Video: nominalo per domarlo
(4) Wandering Mind Not a Happy Mind
(5) Vuoi essere più felice? Rimani nel momento

Condividi !
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Proudly powered by WordPress