Tag: meditazione guidata sulla madre terra

Meditazione e ansia – Sulla meditazione

Meditation and Anxiety


Meditazione e ansia

Sta diventando più ampiamente noto che una pratica di meditazione può essere utile per frenare l'ansia.

L'ansia generalmente si presenta in due forme: una resistenza basata sulla paura ad alcuni sentimenti più profondi che sorgono e proietta il dolore passato sull'ignoto del futuro.

Con la pratica, la meditazione può essere una pratica potente per aiutare a inibire la vita e la crescita di entrambe queste forme di ansia.

Consapevolezza

Un approccio popolare alla meditazione è di essere pienamente presenti con qualsiasi cosa si presenti, muovendosi con il flusso costante della vita mentre scorre. Ciò significa essere consapevoli del pensiero, del suono, delle sensazioni fisiche e di qualsiasi altra cosa di cui sei a conoscenza al momento.

La meditazione di consapevolezza ci insegna ad avere un approccio equilibrato e distaccato a tutti gli stimoli che si presentano, indipendentemente dalla loro fonte, dal loro volume o dalla loro comodità.

Un'esperienza completa del corpo

L'ansia esiste interamente nella testa. Mentre ci sono indubbiamente molti sintomi fisici che possono sorgere in congiunzione con l'ansia, la fonte di ansia è la propria mente.

Poiché l'ansia è una condizione della mente, si nutre della nostra attenzione. Quando litighiamo con esso, resistetelo, chiedetelo o lasciamo correre lo spettacolo come un cucciolo inesperto, lo stiamo inavvertitamente alimentando, rendendolo più forte. Stiamo anche interrompendo la nostra consapevolezza del nostro corpo fisico, dello spazio in cui ci troviamo e di tutti gli altri nostri sensi.

Quando pratichiamo la consapevolezza, stiamo permettendo a noi stessi di provare qualsiasi sensazione sorga. In questo modo, la nostra consapevolezza si estende oltre le nostre menti, così iniziamo a privare le nostre menti del carburante di cui hanno bisogno per alimentare il fuoco dell'ansia. Siamo presenti nella piena realtà fisica della nostra vita, quindi l'ansia ha meno voce nella nostra consapevolezza.

Essere presenti

L'ansia non riguarda affatto il momento presente.

Se siamo ansiosi perché resistiamo ad alcune emozioni più profonde che sorgono naturalmente in noi, stiamo combattendo ciò che esiste. Stiamo cercando di negare ciò che è realmente qui, portando avanti un argomento non vincente con la realtà.

Se siamo ansiosi perché stiamo proiettando un po 'di dolore passato sull'ignoto del futuro, anche noi non siamo affatto presenti.

La meditazione ci aiuta a capire ciò che sta succedendo intorno a noi. Ci aiuta a costruire una connessione con la vita così com'è, dove l'ansia non può sopravvivere. Quando siamo aperti e consapevoli di ciò che sta accadendo proprio qui, proprio ora, non c'è passato con il suo dolore, e non c'è futuro con le sue incognite. Tutto è presente.

Pratica, pratica, pratica

È un'esperienza comune sentirsi più tranquilli dopo aver meditato. Sia che tu stia contando i respiri, o ascoltando delle indicazioni, o stando fermi e lasciando andare tutto, è naturale provare maggiore calma e facilità dopo una sessione di meditazione.

Tuttavia, è spesso molto difficile meditare quando è ansioso. Stare fermi ed essere gentilmente presenti con tutto ciò che è può essere un compito titanico quando la mente di qualcuno sta correndo e il cuore batte forte.

Quello che sto presentando qui non è una soluzione rapida. Non sto suggerendo di meditare per alleviare l'ansia quando è forte e domina la tua esperienza.

Invece, quello che sto offrendo è che questo è ciò che accade nel tempo mentre costruiamo la nostra pratica. Più meditiamo, più alleniamo la nostra consapevolezza a riposare nella pienezza dell'esperienza corporea, e più siamo abituati a radicarci nel presente.

Nel tempo, la pratica della mediazione crea una nuova impostazione predefinita in noi stessi, dove siamo più inclini a essere radicati e pienamente presenti, creando un ambiente in cui è molto più difficile per l'ansia sopravvivere e prosperare. Può o meno eliminare completamente ogni pensiero o innesco ansioso, ma crea e quindi allarga la rampa di uscita dai cicli di pensieri ripetitivi e distruttivi.

Condividi !
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Proudly powered by WordPress