Tag: meditazione guidata yoga nidra

3 passaggi per approfondire la pratica della consapevolezza: abitudini zen


Di Leo Babauta

Immaginiamo che tu sia un adulto ragionevolmente sano con tutte le tue esigenze di base soddisfatte, le persone che si prendono cura di te nella tua vita e le cose che ti piace fare a tua disposizione … dovresti essere abbastanza felice, giusto?

Si scopre, anche in questo scenario incredibilmente fortunato, la maggior parte di noi ancora lotta – stress, ansia, frustrazione, sopraffazione, deludendo noi stessi e gli altri, delusione, sentimenti feriti, rabbia, sensazione di essere sempre indietro … tutto crea un senso di disagio che non è allineato con le nostre circostanze fortunate.

Quindi, come possiamo goderci la vita, trovare un senso di pace, calma e concentrazione intenzionale?

Ho trovato che le pratiche di consapevolezza sono la chiave. Non sono una soluzione magica a nulla, ma alleviano la sofferenza che sperimentiamo nella nostra vita.

Quelli di voi che hanno praticato la meditazione per un po 'sanno di cosa sto parlando. Diamo un'occhiata ad alcuni modi per approfondire la pratica, se sei interessato.

Passaggio 1: passa all'esperienza diretta del momento

Molti di noi sono intrappolati nei nostri pensieri sulla nostra vita, su noi stessi, sulle altre persone, sul mondo che ci circonda … il più delle volte. Siamo bloccati in un film nelle nostre menti, una trama o una narrazione sulla situazione. Ciò causa tutti i nostri problemi: frustrazione, delusione, stress, ansia, sopraffazione, infelicità.

La pratica qui è di cadere nell'esperienza diretta del momento. Non i pensieri sul momento (anche se verranno fuori), ma le sensazioni reali che accadono nel momento.

Potresti notare le sensazioni presenti in diverse parti del tuo corpo, incluso come si sente il tuo respiro, ma anche come si sente il tuo busto, vedendo ciò che puoi notare nel collo e nella testa, nelle braccia e nelle gambe. Potresti notare la sensazione dell'aria sulla tua piega o del terreno sotto i tuoi piedi. Potresti notare suoni o luci o colori o forme.

Ogni volta che ti noti coinvolto in pensieri o idee, in una narrazione o fantasie … ritorna all'esperienza diretta del momento presente. Sperimenta tutto con la mente del principiante, come se fosse la prima volta che lo provassi prima.

Questa è una pratica in cui puoi migliorare, tornando ancora e ancora all'esperienza diretta. Passa da concetti e pensieri e idee e trame, per dirigere l'esperienza. Basta osservare, basta notare, basta essere curiosi.

Se ti senti frustrato o stressato, prova questo e vedi se cambia qualcosa per te. Vedi se sei coinvolto di meno e presenti di più.

Fai pratica per almeno un mese (anche se è davvero una pratica a vita).

Step 2: porta un senso di cordialità verso l'esperienza

Dopo che ti sei esercitato a passare all'esperienza diretta … potresti provare un nuovo modo di relazionarti con quell'esperienza diretta.

Invece di notare solo come un osservatore imparziale … vedi se riesci a portare un sentimento di calore, cordialità, gentilezza, gentilezza, persino amore per il tuo rapporto con questa esperienza diretta.

Ad esempio, se vedi qualcuno per strada, puoi semplicemente notare che c'è una persona lì … o puoi provare cordialità nei loro confronti. Accoglierli nella tua esperienza come se volessi accogliere qualcuno calorosamente nella tua casa.

Allo stesso modo, puoi portare cordialità, calore e accoglienza verso tutto ciò che noti nella tua esperienza diretta. Noti la sensazione di aria sulla tua pelle e potresti sentirti amichevole verso queste sensazioni. Lo stesso con tutto ciò che senti, vedi, annusa, tocchi. Lo stesso con il modo in cui noti la natura intorno a te o le sensazioni nel tuo corpo.

È una continuazione della pratica dell'esperienza diretta, ma con un cambiamento nel modo in cui ti relazioni – è un'amicizia incondizionata verso qualsiasi cosa tu porti la tua consapevolezza.

Fai pratica anche per almeno un mese.

Passaggio 3: rilasciare il senso di sé e la motivazione da guadagno e perdita

Una volta che avrai messo in pratica i due passaggi precedenti, sarai radicato in una visione della realtà che è molto più libera da concetti e trame, più aperta e libera.

Il prossimo passo è notare che quando sei nell'esperienza diretta, non c'è sé. Voglio dire, c'è un corpo e un cervello, ma non è separato da tutto ciò che lo circonda – è interconnesso, non identificabile come qualcosa di distinto dal mondo che lo circonda. Proprio come potresti scegliere una goccia d'acqua nell'oceano e dire: "Questa è una goccia d'acqua separata!" … è solo separata nelle nostre menti, nel concetto. In realtà, non è separato ma parte di tutto ciò che lo circonda.

Questo potrebbe sembrare piuttosto filosofico, ma ciò che è molto reale è notare se tutto ciò che fai è motivato dal desiderio di guadagno o dal desiderio di evitare una perdita. Ad esempio, potresti desiderare l'elogio o l'affetto di qualcuno (guadagno) o potresti evitare che si arrabbino con te (perdita). Potresti scorrere e pubblicare post sui social media in cerca di convalida (guadagno) o preoccupato di perdere (perdita). Potresti acquistare qualcosa a causa di come pensi che ti farà apparire o sentire (guadagnare) o perché ti senti preoccupato o insicuro per una situazione (perdita).

Tutte queste azioni motivate da un senso di guadagno e perdita sono del tutto normali – lo facciamo tutti. Ma tutti provengono da un senso di sé separato: stiamo cercando di ottenere qualcosa per il sé, cercando di evitare una perdita per il sé. Aiutare questo sé separato a ottenere ciò che vuole o evitare ciò che non vuole diventa la nostra più grande attività e obiettivo nella vita. È ciò che ci rende frustrati o arrabbiati quando non otteniamo ciò che vogliamo, o feriti o tristi quando otteniamo ciò che non desideriamo, o ansiosi o stressati quando potremmo guadagnare o perdere qualcosa.

Essere motivati ​​da guadagno o perdita è ciò che provoca le nostre lotte nella vita. E ciò deriva dal senso di sé separato.

Qual è un altro modo? Rilasciare il senso di sé separato. Essere presenti con esperienza diretta. Sensazione di cordialità e persino amore per tutto e tutti intorno a noi. E poi essere motivato da quell'amore – agisco da un luogo di amore e compassione per tutti quelli che mi circondano (me stesso incluso, ma non solo me stesso).

Provalo! È una pratica incredibile. Sii direttamente con la tua esperienza, lasciando cadere il tuo senso di sé, della separazione da tutto ciò che ti circonda. Inizia ad apprezzare quanto sei connesso al mondo: respiri aria dal mondo, mangi cibo dal mondo, bevi acqua e ottieni informazioni, calore, vestiti, riparo e amore da tutto e tutti intorno a te. Sei completamente interconnesso e interdipendente. Lasciare cadere la concezione di sé, mentre si lasciano cadere altri concetti, tornare all'esperienza diretta.

E poi osserva le tue azioni e vedi se sono motivate dal desiderio di guadagno o dal desiderio di evitare la perdita. Vedi se riesci a venire da un luogo di amore e compassione per tutti nel mondo, ogni essere vivente. È un posto davvero potente da cui spostarsi.

Condividi !
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Proudly powered by WordPress