Tag: testi di meditazione guidata pdf

Disciplina della sfida: cosa fa la mia mente quando mi impegno per le cose difficili: abitudini zen


Di Leo Babauta

A metà del mese scorso, mi sono posto una sfida disciplinare di 45 giorni, solo per vedere cosa avrebbe fatto la mia mente.

Mi piace l'idea di spingermi fuori dalla mia zona di comfort, e quindi ho deciso di affrontare 12 cose contemporaneamente, il che è contro il mio solito consiglio!

La sfida non è ancora finita, ma mi piacerebbe condividere alcune delle mie scoperte finora.

Quindi la mia sfida per 45 giorni è stata quella di seguire queste 12 cose ogni giorno:

  1. Sveglia presto (tra le 5-6 del mattino, che è presto per me in questi giorni)
  2. Medita prima cosa
  3. Leggere
  4. Pianifica i miei compiti più importanti (MIT)
  5. Fai il mio primo MIT in anticipo
  6. Doccia fredda
  7. Veloce fino a metà pomeriggio
  8. Studio nel tardo pomeriggio
  9. Passeggiata nel tardo pomeriggio
  10. Esercizio (pesi, solo 3 giorni a settimana)
  11. Medita la sera
  12. Niente alcool

Dovrei notare che nessuno di questi è individualmente così difficile per me, e li ho già fatti tutti in momenti diversi. Anche metterli tutti insieme non è pazzesco: la sfida è restare attaccati a loro per 45 giorni per vedere cosa succede nella mia mente.

E a quanto pare, succede molto nella mia mente!

La prima settimana

I primi giorni sono stati in realtà molto divertenti. Mi eccito all'inizio di una nuova sfida e mi piace assaporare le cose difficili.

Ho iniziato a svegliarmi alle 6 del mattino, con l'intenzione di spostarlo lentamente prima. È stato un po 'stimolante, dato che mi ero svegliato alle 7 del mattino prima, ma mi piace molto la quiete mattutina e ottenere di più è stato bello per me.

Sono diventato molto più coerente con la meditazione mattutina e pomeridiana, anche se spesso vedevo la mia mente inventarsi delle scuse per cui dovevo saltarle. Ho visto le scuse e le ho appena fatte.

Le docce fredde non erano nuove per me, ma non le facevo da un po '. Sicuramente non mi piacciono, ma non sono le cose peggiori. Sono stato in grado di abbracciarli e usarli come meditazione. (Nota: faccio solo la parte fredda per un paio di minuti alla fine di una doccia.)

Anche il digiuno non era nuovo per me, ma era ancora impegnativo. Avevo mangiato il mio primo pasto tra le 11:00 e le 12:00, quindi l'ho spinto fino alle 14:00 e mi sono ritrovato a voler mangiare davvero a mezzogiorno. La fame è dura per me, non perché è dolorosa ma perché la mia mente cerca davvero di trovare un modo per aggirarla.

Anche l'alcol non era nuovo, e sinceramente ho bevuto molto meno quest'anno – non tutti i giorni, e spesso sorseggio solo del vino di mia moglie. Detto questo, mi vedevo spesso tentato di sorseggiare il suo vino quando era proprio di fronte a me.

Il resto delle cose è stato facile – mi sono piaciute le passeggiate, e leggere, studiare e fare il mio focus focus è stato tutto adorabile.

The Harder Stuff

La prima settimana non è stata troppo dura, ma dopo ho trovato alcune cose particolarmente difficili, ed è stato interessante osservarmi:

  1. Mi sono trovato meno entusiasta della sfida. Ero ancora impegnato a farlo, ma non era più divertente. A quanto pare, mi emoziono solo per l'inizio delle cose.
  2. Non mi sono davvero adattato al digiuno. Non l'ho ancora fatto. E ho rotto il digiuno un paio di volte, senza una buona ragione se non non ci stavo davvero pensando e ho lasciato che la mia mente mi ingannasse.
  3. Svegliarsi presto è stato un po 'difficile, soprattutto perché stavo sveglio con la famiglia la sera prima. Ho provato ad andare a letto prima, ma alcune notti non ci sono riuscito e questo ha reso la sveglia presto una grande sfida.
  4. Mi sono ritrovato a voler saltare molto la lettura, soprattutto quando avevo molto lavoro da fare. In effetti, ho finito per spingere a leggere più avanti nel corso della giornata piuttosto che subito dopo la meditazione.
  5. L'alcool è stato uno dei più difficili: non mi manca l'alcol e non mi interessa affatto degli effetti di esso (non mi ubriaco o nemmeno ronzio e non mi serve per rilassarmi). Ma quando Eva ha un bicchiere di vino ed è proprio di fronte a me, mi trovo tentata più volte a notte per bere un sorso, solo per il gusto. Non mi sono ancora arreso, ma quasi l'ho fatto più volte.

Questo è quello che ho affrontato la seconda e la terza settimana. La quarta settimana non è stata un successo … continua a leggere per sentirne parlare.

Alcune incoerenze ultimamente

Non ho fatto altrettanto la quarta settimana. Mi sono concentrato su altre cose e risulta che è difficile concentrarsi su molte cose contemporaneamente. Chi lo sapeva? 🙂

Sono stato ancora molto coerente con alcune cose: niente alcool, studio, esercizio fisico, il mio primo MIT in anticipo. Ultimamente ho perso qualche passeggiata per motivi sociali. Sono stato molto coerente con la meditazione due volte al giorno fino a questa settimana, sempre per motivi sociali. Ho dormito più tardi del solito alcuni giorni nell'ultima settimana, a causa dei visitatori e dei viaggi. Ho perso alcune docce fredde perché prima ero di fretta o me ne sono dimenticato.

Nel complesso, sono stato meno concentrato e coerente. È interessante perché la mia mente è così meno interessata ed entusiasta di questa sfida ora, e in qualche modo vuole solo rinunciare e dimenticarsene. Non ho segnalato a nessuno, il che probabilmente è stato un errore, perché se lo riferissi, probabilmente sarei molto più motivato a ricordare.

Ultimamente non mi vergogno della mancanza di coerenza, non è questa la sfida. Si tratta di imparare a conoscere la mia mente e l'ho sicuramente fatto. Penso che se avessi solo una cosa su cui concentrarmi ogni giorno in questa sfida, sarei molto più concentrato. Quindi è interessante vedermi provare a gestire 12 cose contemporaneamente.

Un ritorno al fuoco

Scrivere questo post è stato buono, perché ha riportato la mia attenzione. Con questo in mente, penso che avere un'abitudine nel journal sia di grande aiuto perché rifletti su come stanno andando le cose e puoi impegnarti di nuovo e ri-focalizzare te stesso. Non ho fatto il journaling ultimamente, ma se lo faccio almeno una volta alla settimana, penso che potrebbe essere quasi buono come avere un po 'di responsabilità (che è davvero il migliore, nella mia esperienza).

Quindi mi impegno a tornare alla mia sfida (per quanto ne sono in grado, dato che questa settimana avremo una mezza dozzina di visitatori).

Amo davvero la maggior parte delle cose che mi sono sfidato a fare. La maggior parte di loro è ciò che mi piacerebbe che facessi quando sono nel mio stato d'animo più aperto e saggio, cioè quando vuoi decidere queste cose, non quando ti trovi di fronte al disagio.

Vedremo quanti di questi deciderò di conservare al termine del mese, ma penso che almeno la metà siano custodi! Te lo farò sapere tra un paio di settimane.

Condividi !
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Proudly powered by WordPress