Tag: youtube meditazione guidata per fare buone foto

Riflettendo di nuovo nella nostra vera natura

Rewilding—A Return to Your True Nature


Rewilding: un ritorno alla tua vera natura

Cos'è Rewilding?

Esiste un termine chiamato "rewilding" spesso utilizzato all'interno delle strutture di certe filosofie spirituali e aree di studio psicologico. "Ri-selvaggio" qualcosa significa ripristinarlo al suo stato naturale o forma.

Per reclamare e allinearci con la verità di chi siamo, spesso ci viene chiesto di "ridestarci" noi stessi. Il processo di riverniciare può essere tremendamente doloroso e scomodo.

Siamo creature abitudinarie. La maggior parte di noi non si offre volontario per cambiare drasticamente la propria vita a meno che non ci sentiamo motivati ​​da qualcosa di più scomodo rispetto all'idea del cambiamento stesso.

Spesso è quando siamo nel mezzo del nostro dolore più profondo che il grido della nostra anima di tornare a casa è il più forte.

Non siamo in grado di rimanere beatamente ignoranti sul fatto che le cose a cui ci siamo sentiti più attaccati o supportati potrebbero non servirci più.

  • Siamo di fronte a verità indicibili e dolorose.
  • Scopriamo che il nostro amante ci ha tradito o rotto con il nostro altro significativo.
  • Siamo licenziati o veniamo a riconoscere che la nostra carriera non eccita o non ci regala più gioia.
  • Sperimentiamo sfide economiche. Entriamo in conflitto con gli amici, la famiglia oi nostri figli.
  • Dobbiamo muoverci per qualche motivo senza precedenti.
  • Perdiamo qualcuno vicino a noi.
  • Ci rendiamo conto che le nostre vite sessuali e l'attrazione per i nostri partner stanno lasciando molto a desiderare.
  • Incontriamo un incidente o ci viene diagnosticata una grave malattia o condizione fisica.

Vita nel caos

Quando il caos esplode nelle nostre vite e le fondamenta della nostra realtà sono scosse fino al midollo, veniamo guidati con una chiarezza sorprendente per riscoprire l'essenza di ciò che siamo e allinearci alle decisioni e alle scelte che supportano la nostra massima espressione.

Il nostro viaggio verso il nostro sé più profondo inizia quando ci spostiamo dal fare affidamento sul mondo esterno per definirci e guidarci, per consentire al mondo interno di diventare il nostro punto di riferimento e "Stella del Nord".

Quando noi "ci riferiamo esternamente", stiamo permettendo che le nostre convinzioni, percezioni e scelte siano influenzate e continuamente informate dal mondo esterno. Spesso operiamo rigorosamente attraverso le definizioni e gli ideali di ciò che la società ci richiede di essere.

Intraprendere un viaggio

Il processo di imparare a "referenziare internamente" è un passaggio dalla dipendenza dal mondo esterno per definire il nostro percorso, per imparare a fidarsi dei nostri istinti e della nostra guida interiore. Questo è il processo di rewilding, avere il coraggio di intraprendere un viaggio che ci porta in un'intimità più profonda con la nostra vera natura.

Quando all'inizio ci rendiamo conto che ci sentiamo fuori sincrono con noi stessi e disallineati con chi siamo veramente, può essere tremendamente spaventoso e spaventoso.

Spesso può sembrare scoraggiante riconoscere quanto lontano ci siamo allontanati da noi stessi e l'idea di ritrovare la via del ritorno può sembrare un compito arduo, doloroso e impossibile.

Anche se potrebbe sembrare che il mondo stia finendo, posso prometterti; non è. A un certo livello, la rottura in cui siamo nel mezzo è una rappresentazione dei vecchi paradigmi o modelli nella nostra vita che vengono distrutti per lasciare spazio al nuovo paradigma che stiamo introducendo che è in maggiore allineamento con chi siamo.

Cinque passi da ridimensionare

Ci sono alcuni passi che possiamo intraprendere per sostenerci mentre iniziamo il viaggio verso casa verso la nostra forma più autentica.

  • Il primo passo è coltivare la consapevolezza compassionevole e non giudicante.
  • Il secondo passo è avere il coraggio di riconoscere ed essere onesti con noi stessi su ciò che non funziona o che ci serve.
  • Il terzo passo è iniziare a creare il tempo e lo spazio per riconnettersi e prendersi cura di noi stessi. Mentre riempiamo il nostro serbatoio, siamo più facilmente in grado di sintonizzarci con i nostri bisogni e confini e prendere decisioni e scelte più consapevoli.
  • Il quarto passo è valutare quali scelte, decisioni e limiti devono essere fatti per iniziare a cambiare e trasformare le circostanze sottostanti creando disallineamenti.
  • Il quinto passo è prendere l'azione consapevole.

Agire spesso può sembrare il passo più impegnativo perché è in questo periodo che di solito abbiamo bisogno di "una dura conversazione", di fare una scelta, o di stabilire un limite, che non cambierà solo drammaticamente le nostre vite, ma anche di avere un impatto su chi ci circonda.

Spesso resistiamo al cambiamento perché temiamo di perdere una parte essenziale di noi stessi, delle relazioni o delle circostanze che sono profondamente intrecciate con la nostra identità.

Il cambiamento nella sua forma più pura rappresenta il vasto, amorfo paesaggio dell'ignoto. Non è né quantificabile, prevedibile, né in grado di essere controllato.

Avere la volontà di riconoscere ciò che non funziona o servirci richiede un enorme coraggio.

Il nostro coraggio e la nostra disponibilità a dire no a ciò che non funziona significa che abbiamo fiducia in noi stessi e nella nostra bussola interiore abbastanza da scegliere un percorso diverso anche se non conosciamo il risultato.

Significa anche che stiamo dicendo sì alla nostra crescita e totalità e alla nostra incontenibile consapevolezza interiore che siamo profondamente degni di una vita allineata con la nostra massima verità ed espressione.

C'è un elemento di abbandono che è una parte intrinseca del rimescolarsi di noi stessi. Dobbiamo arrendere ciò che pensiamo di sapere di noi stessi per trovarci.

È in questo atto di resa totale che siamo portati in intimità con la selvaggia e indomita genialità della nostra vera natura.

Condividi !
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Proudly powered by WordPress