Una meditazione di "schifo" – Wildmind

Photo by Giulia Bertelli on Unsplash


Foto di Giulia Bertelli su Unsplash

Sono sicuro che a volte ti senti schifo.

L'altra settimana mi sentivo particolarmente schifoso. Ho un'idea di cosa mi stia facendo sentire in quel modo, ma non è particolarmente importante. Il fatto è che mi sentivo una merda, con il quale intendo che mi sentivo triste, stanco e talvolta disperato.

L'ultima cosa che volevo fare, in realtà, era di sedermi in e sperimentare come mi sentivo pessimo. Ma so per esperienza passata che questa è la cosa più utile che posso fare. E così mi sono seduto sulla mia panca per meditare in modo da trovare un modo migliore per relazionarmi con la merda.

Mi sono stabilito per meditare, ho notato il sentimento scuro e pesante intorno al mio cuore. Ho notato che c'era un atteggiamento di resistenza attorno a questo sentimento, dal momento che non volevo particolarmente sperimentarlo. Ma è meglio se queste cose sono permesse nell'esperienza. Così lasciai andare la resistenza il più possibile, e mi voltai per affrontare l'oscurità.

La mia pratica di meditazione ha una vita propria. A volte non ho davvero idea di cosa succederà. Devo solo vedere cosa mi viene in mente il mio subconscio. In questo particolare giorno, mentre lasciavo la mia resistenza e rivolgevo la mia attenzione al disagio, apparve un mantra di sorta.

"Va bene. È proprio come ti senti adesso. "

Inspirare ed espirare.

Inspirare ed espirare.

"Va bene. È proprio come ti senti adesso. "

E così via.

Quando queste parole apparvero, riconobbi ciò che stavano facendo.

"Va bene"

Questo sta offrendo rassicurazione. È come se queste parole codifichino il messaggio: "Va bene sentirsi in questo modo. Va bene girare verso la sensazione. Sei sulla strada giusta. L'hai capito. In fondo non c'è davvero nulla da temere. Continua così."

"Questo è proprio come ti senti"

Questo sta dicendo che in un certo senso, i sentimenti sono sensazioni come le altre. Se tocchi qualcosa di caldo, sentirai calore. Se tocchi la punta di una spina, sentirai dolore. Se hai desiderato qualcosa e non l'hai capito ti sentirai deluso e triste. Se sei stato criticato ti sentirai ferito. È solo come stanno le cose. Non stai fallendo nel sentire queste cose.

Questo è anche un promemoria del fatto che la resistenza, come si suol dire, è futile. Resistere al tuo dolore – il senso di voler disperatamente non sperimentarlo – non aiuta. In realtà è peggio che inutile. In realtà crea più dolore. Resistere al dolore è come rispondere ad avere una pietra nella scarpa battendo il piede con un martello.

A volte trovi che il 50% del tuo dolore proviene dalla resistenza e a volte scopri che è più simile al 95%. Il modo per scoprirlo è lasciare andare la resistenza.

Quindi nel dire "questo è proprio come ti senti", stai affrontando come ti senti come un fatto, piuttosto che come qualcosa da resistere. E così puoi iniziare a far cadere la resistenza e sperimentare qualunque disagio rimanga, che diventa più sopportabile più lo sei in grado di affrontarlo senza cercare di scappare da esso o farlo andare via.

"Proprio adesso"

I sentimenti cambiano. Tutto cambia. Ricordi quella volta, molti anni fa, quando ti senti male perché sei stato scaricato? E quella volta eri veramente preoccupato per i soldi? Quei sentimenti sono andati ora. Anche se sono stati sostituiti da sentimenti simili, quei nuovi sentimenti non dureranno. "Nessun sentimento è definitivo", come ha detto Rilke.

Questa è stata la mia meditazione l'altro giorno. Mi sono seduto con "sensazione di schifo", e mentre ripetevo il mantra, la sensazione si sollevò. Non se ne andò del tutto, ma era OK. Mi ero reso conto che era tutto gestibile. Non avevo bisogno di resistere a nulla. Potrei sperimentarlo pienamente, senza essere sopraffatto.

E poi proprio ieri ho guidato un paio di amici attraverso questa stessa meditazione, perché uno di loro si sentiva davvero schifo.

E siamo andati un po 'oltre.

Abbiamo messo le mani sui nostri cuori, dove la sensazione di schifo era più forte, e abbiamo parlato con la nostra sofferenza: "Voglio solo che tu sappia che mi importa di te, e sono qui per te. Ti amo e voglio che tu sia felice. Va bene. Ci arriveremo. Stai andando bene. So che ti senti male, ma mi prenderò cura di te. "

Il mio amico che si sentiva una merda ha detto che si sentiva meno schifo dopo aver fatto questo. E questo mi ha fatto sentire più felice. L'altro amico mi ha suggerito di chiamare questa mia "meditazione da schifo", e quindi eccoci qui …

Condividi !
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Proudly powered by WordPress